RETHINK – Remembrance Education for THINKing critically

Home » Progetti » Adulti » RETHINK – Remembrance Education for THINKing critically

Obiettivi

  • Raccogliere buone pratiche di didattica inclusiva in ambito educazione alla memoria.
  • Diffondere le buone pratiche raccolte per supportare gli educatori nelle sfide attuali (aumento di antisemitismo, razzismo, xenofobia e radicalizzazione).
  • Stimolare il pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica e la capacità di contrastare i pregiudizi di discenti, genitori e staff educativo.
  • Contribuire alla creazione di un approccio transfrontaliero all’educazione al pensiero critico.

Attività

  • Ricerca e miglioramento delle buone pratiche di educazione alla memoria per produrre strategie educative adatte all’educazione non formale e al lavoro in classe.
  • Test delle strategie educative rielaborate in ambiente scolastico.
  • Creazione di una piattaforma di formazione online rivolta a docenti per l’accesso alle buone pratiche di educazione alla memoria e l’utilizzo in classe.
  • Istituzione di un forum internazionale di organizzazioni operanti e interessate nell’educazione alla memoria come mezzo per migliorare l’apprendimento del pensiero critico.

Risultati

Partner

Il progetto

RETHINK – Remembrance Education for THINKing critically

Numero di progetto

Data di attuazione

01/12/2017 – 31/03/2021

Istituzione Finanziatrice

DG EAC, Erasmus+ – KA3: Sostegno alla riforma delle politiche – Inclusione sociale attraverso Istruzione, Formazione e Gioventù

Categorie

Unità

Adulti

Info & contatti

E-mail

alessia.valenti@cesie.org

Visita il sito

https://rethink-education.eu/

    Segui il progetto in azione

      My Elections – My EU!

      My Elections – My EU!

      My Elections – My EU! mira a rafforzare l’impegno civico e la cittadinanza attiva dei giovani attraverso metodi artistici, ad accrescere le loro capacità creative e giornalistiche, ad aumentare la loro autostima e a dare voce ed esprimere le loro richieste e opinioni politiche sui temi caldi della crisi climatica e della migrazione ai loro nuovi rappresentanti a Bruxelles.

      CESIE