REFORM – Migliorare le competenze degli educatori nell’orientamento professionale dei giovani

Home / Progetti / Scuola / REFORM – Migliorare le competenze degli educatori nell’orientamento professionale dei giovani

Obiettivi

  • Riunire tutte le metodologie riguardanti l’orientamento professionale nelle scuole
  • Creare un sistema di pratiche innovative riguardanti l’orientamento professionale
  • Aumentare le capacità degli educatori nell’orientamento professionale degli studenti, prestando attenzione alle esigenze del mercato del lavoro.
  • Aiutare gli studenti nella scelta del loro percorso scolastico o professionale, così da prevenire il fenomeno dell’abbandono scolastico, della disoccupazione giovanile nonché dei NEET.

Attività

  • Sviluppare una metodologia integrata per l’orientamento professionale, che includa strumenti e metodologie (CC-BOX)
  • Realizzazione della piattaforma digitale mirata per l’orientamento professionale (E-CC-BOX). Il contenuto formativo sarà disponibile nelle seguenti lingue: inglese, greco, italiano, polacco, rumeno, portoghese e bulgaro
  • Corsi di formazione internazionale per educatori, nei quali verranno utilizzati la CC-BOX e E-CC-BOX
  • Organizzazione di eventi e attività di divulgazione dei risultati (almeno 25 professionisti per paese)

Risultati

  • Circa 180 professionisti del settore educazione, provenienti da 6 paesi, apprenderanno nuovi metodi e strumenti per l’orientamento professionale dei giovani
  • Introduzione nella prassi educativa, dei formatori, della E-CC-BOX
  • 1 corso di formazione internazionale per 28 professionisti del settore

Share on:

The project

Date of the project

01/10/2018 – 31/01/2021

DG of reference

EAC, Erasmus+: Azione Chiave 2, Partenariati Strategici nel settore dell’istruzione

Categories

Unit

Scuola

Info & contacts

Follow the project updates >>

E-mail

giorgia.scuderi@cesie.org

Visit the website

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

La mancanza di partecipazione sportiva è una sfida importante che influisce negativamente su un’efficace integrazione nel paese ospitante. SCORE ha identificato 15 pratiche sulla partecipazione delle donne immigrate e rifugiate alle attività sportive locali, offrendo uno spazio sicuro per aumentare la tolleranza e il rispetto reciproci, nonché per ridurre i pregiudizi e la xenofobia.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!