INTELed: INnovative Training via Embodied Learning & multi-sensory techniques for inclusive EDucation

Home / Progetti / Scuola / INTELed: INnovative Training via Embodied Learning & multi-sensory techniques for inclusive EDucation

INTELed: INnovative Training via Embodied Learning & multi-sensory techniques for inclusive EDucation

Obiettivi

  • Offrire agli insegnanti strumenti didattici interattivi e multisensoriali per rispondere alle esigenze formative degli allievi con bisogni educativi speciali (BES).
  • Sviluppare un metodo formativo per insegnanti sulla base della teoria dell’apprendimento esperienziale e dell’apprendimento incarnato (embodied learning).
  • Creare una comunità di pratiche intorno a INTELed per apportare cambiamenti ai percorsi formativi per gli insegnanti.

Risultati

  • Stato dell’arte nell’educazione e formazione dei docenti.
  • Metodo INTELed basato sulle risorse ICT multi-sensoriali
  • Buone Pratiche del metodo INTELed

Attività

  • Sviluppo del metodo di formazione INTELed per insegnati per integrare strumenti interattivi e multisensoriali all’attività didattica.
  • Risorse educative e seminari formativi per insegnanti sensibili ai bisogni educativi speciali.
  • Valutazione dell’efficacia del metodo INTELED in termini di competenze acquisite dagli insegnanti e inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali nelle classi.
  • Promozione del metodo INTELed nei Paesi partner.
  • Raccolta buone pratiche sull’uso del medoto INTELed nelle classi.
  • Adozione dell’approccio INTELed a livello internazionale.

Partner

Visita il sito del progetto

Info & contatti

Data di realizzazione del progetto

01/11/2017 – 31/10/2019

DG di riferimento

DG EAC, Erasmus+ Azione chiave 2: Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche

Dipartimento & Unità

Share on:

The project

Date of the project

DG of reference

Categories

Unit

Info & contacts

Follow the project updates >>

E-mail

Visit the website

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

La mancanza di partecipazione sportiva è una sfida importante che influisce negativamente su un’efficace integrazione nel paese ospitante. SCORE ha identificato 15 pratiche sulla partecipazione delle donne immigrate e rifugiate alle attività sportive locali, offrendo uno spazio sicuro per aumentare la tolleranza e il rispetto reciproci, nonché per ridurre i pregiudizi e la xenofobia.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!