Innovazioni per l’autonomia finanziaria dell’università: inaugurazione del Centro di Sviluppo delle Competenze in Kirghizistan

giovedì 8 Febbraio 2024

Home » Alta formazione e Ricerca » Innovazioni per l’autonomia finanziaria dell’università: inaugurazione del Centro di Sviluppo delle Competenze in Kirghizistan

L’Università Tecnica di Stato del Kirghizistan, intitolata a I. Razzakov, ha recentemente ospitato un evento significativo, segnando l’inaugurazione del Centro di Sviluppo delle Competenze nell’ambito del progetto DEFA, finanziato dal programma Erasmus+. Dopo la cerimonia di apertura del centro, è seguita una tavola rotonda che ha riunito figure chiave ed esperte per discutere delle questioni cruciali legate all’autonomia finanziaria delle università in Kirghizistan.

L’obiettivo principale della tavola rotonda è stato esplorare modalità per potenziare l’autonomia finanziaria delle università kirghise. Rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e della Scienza, del Ministero delle Finanze, dell’ufficio Erasmus+, della dirigenza universitaria e altri stakeholder hanno partecipato di persona o online, favorendo un dialogo diversificato e completo.

Oratori illustri, tra cui Azamat Naimanbaev del Ministero dell’Istruzione e della Scienza, Abdylda Musaev dell’Associazione delle Università del Kirghizistan e Nurgul Kasenova dell’ufficio Erasmus+, hanno sottolineato l’imperativo di rafforzare l’indipendenza finanziaria nell’ambito dell’economia globalizzata e del mercato del lavoro in evoluzione.

Nurlan Omurov, responsabile del progetto, ha presentato gli obiettivi principali del progetto DEFA:

  • sviluppare un modello flessibile ed efficace di autonomia finanziaria per consentire alle università di mobilitare e gestire risorse in modo efficiente;
  • pilotare ed espandere un nuovo sistema di autogoverno universitario, promuovendo un aumento dell’autonomia finanziaria;
  • migliorare la gestione strategica, garantendo stabilità finanziaria, motivazione e sviluppo delle risorse umane.

Il consorzio del progetto DEFA, composto da 12 università kirghise, Otto-Von-Guericke-Universitaet – OVGU (Germania), Università Degli Studi di Firenze – UNIFI (Italia) e CESIE, ha raggiunto traguardi significativi, tra cui un piano strategico di sviluppo, una roadmap per l’attuazione dell’autonomia finanziaria e un modello per l’autonomia finanziaria in Kirghizistan.

La Professoressa Elena Gori dell’Università di Firenze ha discusso lo sviluppo e l’attuazione di piani finanziari per le università, mentre il Professore Erkin Boronbaev del KSTU ha presentato approfondimenti sulla classifica internazionale QS e sui suoi strumenti, arricchendo la discussione.

La tavola rotonda ha facilitato una discussione approfondita sulle sfide e le prospettive per l’autonomia universitaria in Kirghizistan, riconoscendo il suo impatto diretto sulla qualità dello sviluppo delle istituzioni. Con il proseguire del progetto DEFA, ci si attende che plasmi il panorama finanziario delle università kirghise, emancipandole per un futuro dinamico e sostenibile.

A proposito di DEFA

DEFA – Development of financial autonomy of universities in Kyrgyzstan è un progetto finanziato per il programma DG EAC, Erasmus+, KA2 Capacity Building Higher Education. Ha l’obiettivo di creare una riforma del sistema di finanziamento delle università del Kirghizistan che favorisca una loro maggiore autonomia, competitività e innovazione.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto e visita il gruppo di Facebook.

Contatta Caterina Impastato: caterina.impastato@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE