Giornata Internazionale contro l’omolesbobitransfobia: alcune riflessioni

venerdì 13 Maggio 2022

Home / Notizie / Giornata Internazionale contro l’omolesbobitransfobia: alcune riflessioni

Il 17 Maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia. la bifobia e la transfobia. La data, scelta per commemorare la decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di non considerare più l’omosessualità come una malattia mentale, è dedicata in tutto il mondo ad iniziative di prevenzione e sensibilizzazione contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.

Tra maggio 2021 e maggio 2022, in Italia circa 150 persone hanno denunciato di aver subito discriminazioni a sfondo omofobo, con un picco nel periodo tra giugno ed ottobre 2021 in cui il DDL Zan era al centro del dibattito pubblico, dato che ne mette in evidenza la matrice politico-ideologica (Fonte: https://www.omofobia.org/). Sono le persone che si allontanano dallo stereotipo maschile quelle maggiormente discriminate (72% dei casi). Un dato molto preoccupante è sicuramente quello relativo alle persone trans M>F che rappresentano il 7% delle persone che hanno subito discriminazioni pur non rappresentando la stessa percentuale della popolazione in generale. Secondo lo European LGBTI Survey 2020, il 25,4% delle persone LGBTQIA+ ha subito aggressioni, il 25,4% evita di frequentare alcuni luoghi e il 49,2% evita di tenersi per mano.

Restano non censiti tutti gli episodi di ordinaria omolesbobitransfobia che non vengono denunciati, per legittima scelta dei/le sopravvissuti/e o perché non penalmente rilevanti, ma pur sempre figli della stessa cultura.

Per questo, come CESIE ci impegniamo quotidianamente attraverso le nostre iniziative per promuovere l’uguaglianza di genere e per favorire un’educazione all’affettività e alla sessualità che sia inclusiva di tutti e le identità di genere e gli orientamenti sessuali, ed invitiamo tutti e tutte a mettere in atto azioni concrete che possano contribuire a combattere le discriminazioni.

CESIE