A Mazara del Vallo impariamo a diventare imprenditrici

martedì 6 Febbraio 2024

Home » Migrazione » A Mazara del Vallo impariamo a diventare imprenditrici

L’istruzione e la formazione professionale svolgono un ruolo cruciale nell’inclusione delle persone immigrante. Tuttavia, gli istituti di formazione professionale non sempre rispondono alle esigenze specifiche di queste persone, in particolare delle donne, che possono trovarsi di fronte a ostacoli legati a differenze culturali, barriere linguistiche e discriminazioni di genere.

L’InclusionToC propone l’utilizzo della Teoria del Cambiamento per affrontare in modo strutturato, efficace e sostenibile le sfide legate all’inclusione delle donne immigrate nell’istruzione e formazione professionale. Questo approccio mira a superare l’attuale mancanza di differenziazione nelle politiche europee e nazionali, consentendo un’adeguata considerazione delle specifiche esigenze di genere e migratorie.

Si è concluso pochi giorni fa il percorso di formazione del progetto, iniziato in ottobre a Mazara del Vallo grazie alla fruttuosa collaborazione con l’Istituto Futura Formazione e con la Fondazione San Vito Onlus.

In ottobre si sono svolte le formazioni del personale amministrativo, dirigente e docente dell’Istituto di Formazione Futura a Mazara del Vallo. Durante questi incontri, abbiamo discusso dell’applicabilità della Teoria del Cambiamento al contesto locale, identificando i bisogni della comunità migrante di Mazara. In particolare, le donne – in maggioranza di origine tunisine – hanno manifestato il desiderio di intraprendere un percorso di formazione sull’imprenditoria e sull’auto-imprenditorialità.

Alle formazioni per il personale di Futura Formazione hanno dunque fatto seguito tre incontri direttamente rivolti alla comunità migrante, e alla sua componente femminile nello specifico.

Venticinque donne hanno avuto l’opportunità di imparare i concetti chiave dell’attività imprenditoriale, di riflettere in maniera collettiva ad un business plan e di sviluppare l’identità dell’attività imprenditoriale da intraprendere.

Grazie al supporto delle operatrici e delle educatrici delle due organizzazioni, la collaborazione si è rivelata fruttuosa e ha condotto ad una identificazione di bisogni specifici.

A proposito di InclusionToC

InclusionToC si propone di utilizzare la Teoria del Cambiamento (TOC) per promuovere l’inclusione di gruppi svantaggiati come le donne migranti nell’istruzione e formazione professionale. Ha come obiettivo primario il miglioramento delle competenze del personale e dei formatori dei centri di formazione professionale nell’utilizzo della TOC.

Il progetto è finanziato dal programma Erasmus+, KA220-VET – Cooperation partnerships in vocational education and training.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto, visita il sito https://theoryofchange4inclusion.eu/ e seguici su Facebook.

Contatta Antonina Albanese: antonina.albanese@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE