Un passo in avanti: il Curriculum Skills4life

lunedì 13 Febbraio 2023

Home » Giovani » Un passo in avanti: il Curriculum Skills4life

Il curriculum Skills4Life sulle competenze personali, sociali e di vita è pronto per essere messo in pratica in Italia in diversi contesti detentivi e residenziali.

Gli educatori e le educatrici di alcune comunità residenziali ed Istituti Penali Minorili sono stati formati attraverso incontri online e in presenza sul Curriculum Skills4Life, che poi metteranno in pratica nelle loro strutture fino ad aprile 2023. Supportato da una Guida per educatori ed educatrici e da un Manuale per studenti e studentesse, il Curriculum comprende attività pratiche volte allo sviluppo di abilità personali, abilità sociali e abilità di vita, dalla consapevolezza di sé alle relazioni e alle abilità pratiche. Durante la formazione, gli educatori e le educatrici si sono confrontatɜ anche sulle esigenze particolari dei loro contesti, nonché delle sfide che si aspettano di incontrare durante questo processo, nel tentativo di adattare il curriculum al contesto e alle esigenze specifiche, per motivare lɜ giovani a impegnarsi in un’iniziativa che può avere un grande impatto sulle loro abilità personali, relazionali e sociali e può contribuire a ridurre il fenomeno della recidiva.

Questo è l’obiettivo del progetto Skills4Life, che si propone di aiutare i giovani in conflitto con la legge e a rischio ad acquisire strumenti pratici per reintegrarsi nella società dopo il loro rilascio, ampliando le risorse e le competenze del personale educativo nelle strutture di detenzione e nelle comunità per minori. Il progetto Skills4Life sarà presentato nella conferenza finale organizzata da EPEA – European Prison Education Association, dal 13 al 17 giugno, dove i partner condivideranno i risultati, le sfide e gli esiti delle attività legate al Curriculum Skills4Life nei diversi contesti e i prossimi passi per il proseguimento dell’azione.

A proposito di Skills4Life

Skills4Life – Life Skills 4 Life After Prison: Sowing the Seeds of Social Inclusion for Young Offenders è un progetto finanziato dal programma Erasmus+ KA2 – Partenariati strategici nel settore della gioventù, Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto.

Contatta Alice Valenza: alice.valenza@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE