Risorse e pratiche inclusive per il contrasto all’abbandono scolastico precoce di studentз migranti

giovedì 5 Ottobre 2023

Home » Notizie » Risorse e pratiche inclusive per il contrasto all’abbandono scolastico precoce di studentз migranti

In Europa l’esclusione sociale ed educativa di persone con background migratorio è un tema più che mai attuale. Inoltre, chi vive tali condizioni deve fare i conti con ulteriori strati di discriminazione, per via di condizioni socio-economiche, identità di genere, appartenenza religiosa e molto altro.

Nei contesti scolastici in particolare, questi fattori, sommati a condizioni sfavorevoli o a barriere sistemiche, possono provocare alti tassi di abbandono scolastico. Per esempio, studenti e studentesse con background migratorio in condizioni di svantaggio socio-economico potrebbero dover avere a che fare con barriere burocratiche. Potrebbero ricevere con molto ritardo, o non ricevere affatto, il riconoscimento dei titoli di studio acquisiti nei paesi di origine. Oppure potrebbero esserci barriere economiche: la mancanza di risorse sufficienti per l’acquisto di libri e materiale scolastico, o l’esigenza di entrare quanto prima nel mondo del lavoro per supportare la famiglia di appartenenza.

A tal proposito sono interessanti alcuni dati emersi dalla ricerca documentale condotta nei tre paesi del partenariato In&In Education, in Italia, Spagna e Grecia. Nel 2022 l’Italia è infatti risultata quinta tra i paesi Ue per abbandoni scolastici precoci, con un tasso di abbandono tra ragazze e ragazzi stranieri pari al 35,4% rispetto al 13,1% dei nativi (fonte VITA).

Proprio a fronte di questi allarmanti dati, In&In Education intende promuovere processi di inclusione e incentivare il successo scolastico di ragazze e ragazzi con background migratorio, attraverso un approccio intersezionale, ovvero tenendo conto dei molteplici aspetti che fanno parte dell’esistenza di una persona e dei modi in cui questi si intrecciano e possono rappresentare uno svantaggio o un privilegio in un determinato contesto sociale.

La collaborazione tra le associazioni partner ha portato alla creazione di risorse e strumenti utili alla promozione di processi di inclusione, nello specifico:

  • Varrà condivisa con docenti e famiglie una Mappatura di risorse e buone pratiche presenti nelle città del partenariato, utili per favorire processi di inclusione di persone migranti;
  • Un corso di formazione online per docenti è attualmente in fase di sviluppo. Il corso sarà costruito avendo come focus principale il contrasto all’abbandono scolastico di ragazze e ragazzi migranti. Il corso sarà diretto a docenti ed educatorз delle scuole di ogni ordine e grado e metterà a disposizione risorse didattiche e materiali utili per la promozione di pratiche educative inclusive a scuola. Alla fine del corso, il corpo docente vedrà rafforzata la propria capacità di creare un ambiente scolastico inclusivo che tenga conto delle esigenze specifiche, in particolare di studenti e studentesse con un background migratorio e in situazioni di svantaggio socio-economico. L’accesso al corso sarà gratuito e potrà essere svolto in modalità asincrona. Una volta completati i moduli e il percorso di autovalutazione, gli iscritti potranno scaricare il certificato di partecipazione.
  • Al fine di raccogliere le esperienze di persone migranti, sono state condotte delle interviste con uomini e donne che vivono nei 3 Paesi del partenariato. Loro hanno condiviso le proprie testimonianze dal punto di vista personale, educativo e professionale. È in lavorazione un video in cui confluiranno tutte le testimonianze raccolte, che sarà presentato a studenti e studentesse che frequentano la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il momento sarà occasione di sensibilizzazione, ma anche per affrontare pubblicamente il tema della discriminazione, che con pregiudizi e stereotipi affligge le persone migranti. Il video sarà accompagnato da una guida per docenti, contenente le istruzioni sul suo utilizzo come risorsa educativa in classe, al fine di promuovere l’interculturalità e l’inclusione.

Guarda il video con le testimonianze di persone con background migratorio residenti in Italia!

Sei docente e ti interessa partecipare alle attività e al corso di formazione di In&In Education? Contatta Emna Miled: emna.miled@cesie.org

A proposito di In&In Education

In&In Education – Inclusive education with an intersectional approach, for the school success of Girls and Boys of migrant origin è un progetto finanziato dal programma Erasmus+: KA220-SCH – Partenariati per la cooperazione – Settore istruzione scolastica.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto e visita il sito web: https://in-education.eu/it/.

Contatta Emna Miled: emna.miled@cesie.org.

Il vernissage EU-CARES: conflitto urbano in fotografia analogica

Il vernissage EU-CARES: conflitto urbano in fotografia analogica

Fotograferei macchine in doppia fila, parcheggi fantasiosi, attraversamenti pedonali, tubi rotti, sporcizia, detriti, edifici cadenti e murales. Queste immagini, emerse dal workshop “Storytelling through Photography” di EU-CARES, rappresentano il conflitto urbano nel percorso da casa a lavoro. Il laboratorio di fotografia analogica Kamera Lab ha esposto le creazioni dei partecipanti, attirando e coinvolgendo i passanti.

CESIE ETS