FEM-ABLE passa dalla ricerca alle strategie per l’uguaglianza dei generi

lunedì 8 Gennaio 2024

Home » Diritti e Giustizia » FEM-ABLE passa dalla ricerca alle strategie per l’uguaglianza dei generi

La sottorappresentanza delle donne in politica, sia in termini numerici che nella promozione di politiche a difesa dei loro diritti, è un problema complesso che richiede un’analisi approfondita.

Per comprendere le barriere, le sfide e il contesto storico che condizionano il progresso della politica verso la parità di genere, bisogna portare avanti una ricerca cosciente e integrale, a cui il partenariato di FEM-ABLE si è dedicato negli ultimi mesi. Le risorse prodotte durante la fase di ricerca sono disponibili sul sito del progetto e nella nostra gallerie risorse.

Il Policy tool-kit uguaglianza di generi in politica costituisce un documento esplorativo che illustra la realtà dell’uguaglianza di generi nell’ambito politico attraverso 7 report nazionali e 1 Europeo.

Non sorprende che da questa ricerca emerga un quadro che lascia a desiderare; sia Italia, che l’Europa nel suo complesso rimangono ancora lontane dal raggiungimento degli obiettivi di uguaglianza dei generi. Infatti, potremmo parlare anche a livello mondiale, con il rapporto Global Gender Gap che ci scuote con una stima preoccupante: “Ci vorranno altri 132 anni per ridurre il divario di genere nel mondo“.

La conclusione di questa prima fase di studio ci ha portato a Creta a settembre, per un incontro con il partenariato. L’obiettivo? Preparare la prossima fase di FEM-ABLE, incentrata sulla formulazione di strategie di uguaglianza dei generi che possano promuovere una rappresentanza più equa tra donne e uomini nelle decisioni politiche, avvicinandoci così a società più inclusive.

Maria KanakaviPena Papadaki-Skalidi

Il nostro incontro si è arricchito della testimonianza di due figure di spicco nella politica cretese: Maria Kanavaki, candidata sindaca di Heraklion, e Pena Papadaki-Skalidi, candidata consigliere comunale di Heraklion. Hanno condiviso con noi le loro esperienze personali nel mondo della partecipazione politica in prima persona, ci hanno parlato delle sfide affrontate, delle barriere superate e dell’infinita determinazione a lottare per un futuro più equo attraverso il loro impegno politico.

È stato un momento di inspirazione ed empowerment, in cui non solo abbiamo discusso sui temi più organizzativi del progetto, ma abbiamo anche creato uno spazio di condivisione dando voci a donne promettenti nella scena politica. Spazio che, purtroppo, spesso è difficile da trovare nel mondo patriarcale di oggi.

A proposito di FEM-ABLE

FEM-ABLE – Promoting women’s participation in the political domain è un progetto finanziato dal programma CERV (Citizens, Equality, Rights and Value), che intende promuovere la partecipazione di tutte le persone nei processi decisionali politici, con lo sviluppo e la messa in opera di strategie nazionali ed europee per l’uguaglianza di genere.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto.

Visita il sito femable.eu/

Seguici su Facebook e Instagram.

Contatta Nuria Casablanca: nuria.casablanca@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE