UniFi: una buona pratica di governance e gestione finanziaria per le università del Kirghizistan

lunedì 24 Luglio 2023

Home » Alta formazione e Ricerca » UniFi: una buona pratica di governance e gestione finanziaria per le università del Kirghizistan

Approccio manageriale, apertura al territorio, innovazione e sostenibilità sono gli elementi chiave del sistema di governance dell’Università degli Studi Di Firenze.

La delegazione di DEFA, costituita dai rappresentanti delle principali università pubbliche e private della Repubblica del Kyrgyzistan, ha partecipato alle visite studio in Europa per approfondire il funzionamento dell’Università Otto-Von-Guericke di Magdeburgo e dell’Università Degli Studi Di Firenze dal punto di vista della gestione finanziaria.

L’obiettivo è conoscere diversi sistemi di governance e modelli di gestione finanziaria delle università europee, analizzarne le caratteristiche, gli aspetti in comune e le differenze e prendere spunto per la costruzione di un modello di auto-governance e autonomia finanziaria adatto alle esigenze del sistema di istruzione universitario del Paese.

A Firenze, il Rettore Prof.ssa Alessandra Petrucci, il Prorettore Prof.ssa Debora Berti e la Project Manager di DEFA, Prof.ssa Elena Gori hanno dato il via alla visita studio accogliendo i delegati presso il Rettorato dell’Università.

La prima giornata di visita è servita per approfondire il focus che l’Università di Firenze pone sullo sviluppo territoriale attraverso la digital innovation, la sostenibilità, l’internazionalizzazione e la comunicazione grazie ai contributi del Prof. Marco Pierini, Prorettore per il Trasferimento Tecnologico, le Attività Culturali e l’Impatto Sociale, la Prof.ssa Giorgia Giovannetti, Delegata alle Relazioni Internazionali e il Prof. Enrico Marone, Delegato alla Gestione e al Bilancio.

Il General Manager di UniFi, Dr. Marco Degli Esposti, ha presentato un excursus sulla storia dell’autonomia delle università in Italia, ricordando come la stessa Costituzione della Repubblica Italiana, con l’articolo 33, prevedeva già nel 1947 che le università e le accademie avessero il diritto di stabilire i propri regolamenti entro i limiti stabiliti dalla legge, bisognerà però aspettare gli anni ’90 per vedere questo concetto ulteriormente sviluppato. La Dr.ssa Valentina Papa, Responsabile Pianificazione, Qualità e Valutazione di UniFI ha completato il quadro presentato un approfondimento su sistemi di accreditamento e premialità nelle università pubbliche.

La seconda giornata della visita di studio si è svolta presso Palazzo Medici Riccardi (Sala Pistelli) coinvolgendo la Città Metropolitana di Firenze, la Regione Toscana e affrontando un focus sulle opportunità per il territorio derivanti dal PNRR e sulle modalità organizzative e di controllo che ruotano attorno ai finanziamenti.

La Dott.ssa Elisabetta Meucci, Delegata per le università, ha posto l’attenzione sull’importanza delle connessioni forti che l’università ha con il territorio e sulla vision comune creata con l’amministrazione locale e regionale. La Prof.ssa Debora Berti, Prorettore alla Ricerca UniFi, ha evidenziato l’importanza che hanno per le università l’istruzione di qualità e la cooperazione internazionale, mentre l’ambasciatore, Dr. Taalay Bazarbaev, ha raccontato come il Kirghizistan stia puntando a sviluppare gli ambiti dell’istruzione e della scienza e al rafforzamento della cooperazione con l’Italia.

Il Dr. Rocco Conte, Direttore generale finanziario della Città metropolitana, ha concluso la giornata presentando l’Area Metropolitana di Firenze e parlando della creazione di reti tra pubblica amministrazione e scambio di buone pratiche.

Lo scambio di esperienze è proseguito presso il Campus di Scienze Sociali. Durante il terzo giorno di visita, dopo i saluti del Direttore del Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa, Prof.ssa Maria Elvira Mancino, la Dott.ssa Solombrino, Dirigente area servizi economici e finanziari, ha presentato le principali caratteristiche della gestione finanziaria dell’Università di Firenze, sottolineando come l’adozione di strumenti per garantire una governance trasparente, un solido sistema di contabilità sono centrali nella gestione della stessa.  

A seguire si è avviato un proficuo scambio di idee ed esperienze e una discussione incentrata sul divario tra il sistema di istruzione superiore kirghiso e gli obiettivi desiderati.

Nella giornata seguente, incentrata sui temi del digitale e della sostenibilità, i referenti del progetto DEFA, il Prof. Marco Bellucci e la Prof.ssa Silvia Fissi hanno presentato un approfondimento sulla accountability e le questioni legate alla sostenibilità nella pratica, mentre la Dr.ssa Rossella Raso, Research Project Manager di ARTES 4.0 e l’Ing. Debora Zrinscak, responsabile Tenders and Projects di ARTES 4.0, hanno presentato il Centro di Competenza Industria 4.0 su Robotica Avanzata e Tecnologie e Sistemi Abilitanti (ARTES 4.0).

L’approccio manageriale, la trasparenza, un solido accounting system, ma anche l’apertura al territorio e l’attenzione all’innovazione e alla sostenibilità sono emersi come elementi chiave del sistema universitario fiorentino. Attraverso lo scambio di idee ed esperienze, sono state gettate le basi per la costruzione di un modello di auto-governance e autonomia finanziaria adatto alle esigenze del sistema di istruzione universitario del Kyrgyzstan, aprendo nuove prospettive per lo sviluppo dell’istruzione e della scienza in entrambi i paesi.

A proposito di DEFA

DEFA – Development of financial autonomy of universities in Kyrgyzstan è un progetto finanziato per il programma DG EAC, Erasmus+, KA2 Capacity Building Higher Education. Ha l’obiettivo di creare una riforma del sistema di finanziamento delle università del Kirghizistan che favorisca una loro maggiore autonomia, competitività e innovazione.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto e visita il gruppo di Facebook.

Contatta Caterina Impastato: caterina.impastato@cesie.org.

CESIE ETS