T-ESSERE PONTI: migliorare la risposta alla violenza di genere attraverso l’empowerment delle donne straniere

giovedì 9 Novembre 2023

Home » Diritti e Giustizia » T-ESSERE PONTI: migliorare la risposta alla violenza di genere attraverso l’empowerment delle donne straniere

Come affrontare con maggiore consapevolezza il tema della violenza di genere? A partire da questa domanda è nato il programma T-ESSERE PONTI, parte del più ampio COMMUNITY LINKAGE: un progetto che intende potenziare l’offerta di servizi contro la violenza di genere attraverso l’empowerment delle donne straniere come mentori, formatrici e agenti di cambiamento.

Costruire ponti di supporto e consapevolezza

T-ESSERE PONTI riunisce un gruppo di 15 donne straniere che, attraverso un percorso di confronto, formazione ed empowerment, stanno diventando leader e mentori all’interno delle loro comunità. Queste donne si propongono di essere punti di riferimento fondamentali per le donne vittime o sopravvissute alla violenza di genere, offrendo un sostegno indispensabile.

Attualmente, il gruppo si sta confrontando e sta approfondendo aspetti che riguardano le proprie necessità, individuando le barriere che si riscontrano nell’accedere ai servizi di protezione. Per esempio, le difficoltà nel raggiungere centri antiviolenza, nel contattare le forze dell’ordine, nell’accedere agli ospedali o raggiungere figure di rilievo che lavorano sul territorio. L’obiettivo principale del percorso è proporre miglioramenti concreti e tangibili per garantire un supporto più efficace e completo a coloro che ne hanno bisogno.

Costruire una rete di professionistɜ

In questo importante percorso di miglioramento della risposta alla violenza di genere, abbiamo già fatto grandi passi avanti grazie all’energia e all’esperienza di professionistɜ che si sono avvicinatɜ al progetto. Operatrici e operatori del settore hanno partecipato a discussioni approfondite, evidenziando criticità e aree di miglioramento nel sistema. Questi incontri hanno mostrato che oltre alle barriere linguistiche che spesso ostacolano l’accessibilità ai servizi di protezione, pregiudizi sulla cultura di appartenenza degli individui che chiedono aiuto portano ad atteggiamenti poco solidali.

La costruzione di una rete di professionistɜ è dunque fondamentale, ed è già in corso. Tuttavia, desideriamo espandere ulteriormente questa iniziativa. Se hai già partecipato, ti ringraziamo sinceramente per il tuo impegno. Se invece desideri condividere le tue esperienze, conoscenze e prospettive, ti invitiamo ad unirti a questo percorso.

Sappiamo che quotidianamente nella vita di ognuno si presentano delle criticità nell’affrontare la violenza di genere. Pertanto, vogliamo esplorare insieme le cause profonde di queste difficoltà. Ogni voce conta e ogni prospettiva è essenziale per sviluppare soluzioni sostenibili ed efficaci.

Con il tuo supporto, T-ESSERE PONTI intende mettere in campo azioni concrete, acquisire strumenti utili e promuovere campagne di sensibilizzazione nella comunità. L’obiettivo finale è quello di migliorare il sistema di presa in carico delle persone vittime di violenza di genere, fornendo un vero e proprio “rifugio” attraverso un approccio olistico.

Insieme, possiamo indagare in profondità le radici dei problemi che affrontiamo, comprenderne le dinamiche complesse e lavorare insieme per sviluppare strategie innovative per un futuro senza violenza di genere.

Se ti interessa partecipare o avere più informazioni su T-ESSERE PONTI scrivi all’indirizzo email: tessereponti@cesie.org.

A proposito di COMMUNITY LINKAGE

COMMUNITY LINKAGE – Improving gender-based violence service provision through the empowerment of migrant women as community-based mentors, trainers and agents of change è un progetto finanziato da DG Justice – Programma CERV (2021-2027) della Commissione Europea.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto.

Contatta Georgia Chondrou: georgia.chondrou@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE