REST: Formazione per aziende sull’integrazione dei rifugiati nel mondo del lavoro

mercoledì 4 Aprile 2018

Home » Migrazione » REST: Formazione per aziende sull’integrazione dei rifugiati nel mondo del lavoro

Nel mondo del lavoro, l’individuazione, l’assunzione e l’inserimento di un nuovo impiegato è un processo molto complesso che richiede competenze specifiche e relazionali. Per garantire l’opportunità di impiego per tutti, i datori di lavoro necessitano di strumenti di sostegno pratico e diretto che favoriscano l’inclusione lavorativa dei lavoratori provenienti da realtà diverse da quella italiana.

REST offre una formazione completa per migliorare le competenze di imprese e organizzazioni, al fine di assumere e interagire con successo con i rifugiati.

L’obiettivo della formazione è rispondere ai bisogni e alle preferenze formative dei datori di lavoro tenendo conto dei benefici e degli ostacoli relativi all’integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro.

Grazie ai corsi REST, le aziende avranno potenziato le loro conoscenze:

  • sull’iter di assunzione dei migranti, la legge vigente in materia in Italia e i benefici per i datori del lavoro e per le aziende;
  • sulle nuove strategie per favorire l’integrazione dei migranti e rifugiati sul posto di lavoro;
  • sui metodi per migliorare i processi di gestione delle risorse umane all’interno di una impresa e incoraggiare le dinamiche positive tra lo staff.

I moduli formativi di REST, concentrati sui sei argomenti individuati studiando il panorama europeo, verranno affrontanti con il seguente calendario:

  1. Quadro legale e amministrativo, 7 maggio 2018;
  2. Individuazione e selezione, 24 maggio 2018;
  3. Assunzione e inserimento, 24 maggio 2018;
  4. Programmi di mentoring, 12 giugno 2018;
  5. Aspetti interculturali, 19 giugno 2018;
  6. Comunicazione sul posto di lavoro, 22 giugno 2018.

[su_note note_color=”#ffffff” radius=”10″]

1. Quadro legale e amministrativo

Il primo modulo si concentrerà sulle misure legali che regolano l’occupazione dei rifugiati, sulle relative procedure amministrative, borse di lavoro e altri incentivi per datori di lavoro. Questa formazione sarà organizzata in tavole rotonde con esperti di leggi e normative italiane in materia di rifugiati e richiedenti asilo.

2. Individuazione e selezione

Il secondo modulo affronterà il tema dell’individuazione e selezione di impiegati o tirocinanti rifugiati. Si spiegheranno ai discenti le specifiche della selezione e saranno guidati nell’iter di ricerca, selezione e svolgimento dei colloqui.

3. Assunzione e inserimento

Seguendo il filo cronologico, il terzo modulo si concentrerà sull’iter di assunzione e inserimento. Questo modulo sosterrà i datori di lavoro nell’integrazione dei rifugiati nella cultura aziendale e permetterà loro di gestire e motivare gli impiegati con contesti culturali diversi.

4. Programmi di mentoring

Il quarto modulo analizzerà il tema del mentoring, considerato un approccio importante e utile per l’integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro. Saranno descritti il significato di mentoring, i compiti del mentor, il rapporto e la sua gestione tenendo conto delle sfide specifiche poste dal mentoring dei rifugiati. Inoltre, il modulo comprenderà un insieme di elementi di mentorship e raccomandazioni per la valutazione dei colloqui. 

5. Aspetti interculturali

Nel quinto modulo si tratteranno gli aspetti interculturali dell’integrazione dei rifugiati, si introdurranno la competenza e la comunicazione internazionale, nonché la gestione della diversità includendo diverse religioni e tradizioni sul posto di lavoro. 

6. Comunicazione sul posto di lavoro

Nell’ultimo modulo si discuterà di uno strumento unico per una lingua semplice, ovvero come utilizzare la propria lingua madre in modo da renderla chiara e facilmente comprensibile a chi possiede un livello intermedio di abilità linguistiche. Questo materiale formativo esaminerà in che modo la lingua influisce sulla comprensione, quali parole sono facili da comprendere, quali sinonimi difficili evitare e come formulare un messaggio nel modo più corretto.

[/su_note]

Chi può partecipare alla formazione?

  • tutti i datori di lavoro che intendano ampliare le proprie conoscenze in ambito di integrazione nel mercato del lavoro e perfezionare le proprie competenze in materia di gestione delle risorse umane;
  • dipendenti in settori chiave delle imprese, quali responsabili delle risorse umane, supervisori e formatori interni;

I moduli Aspetti interculturali e Comunicazione al posto di lavoro sono aperti anche ai membri dello staff al fine di migliorare la collaborazione e dinamiche al posto di lavoro.

Dove?

CESIE, Via Roma 94 Palermo

Come partecipare?

La partecipazione è gratuita. È possibile iscriversi a tutti i 6 moduli o scegliere solo le tematiche di vostro interesse.

Iscriviti ai corsi di formazione REST compilando il modulo d’iscrizione qui.

 Per ulteriori informazioni sui moduli formativi di REST o sostegno individuale, contatta Cecilie Grusova: cecilie.grusova@cesie.org.

Certificazione

I partecipanti alla formazione riceveranno un certificato basato sulla validazione delle competenze LEVEL_5 e potranno ottenere un’etichetta promozionale del progetto REST.

[su_button url=”https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdxkBdily0-NoukLmUqOF2Q1M9nu0S9G-DqlXTyxJmrUCzI7w/viewform?c=0&w=1″ background=”#2f6eb5″ color=”#fff” size=”5″ wide=”yes” center=”yes” radius=”5″ icon=”icon: external-link” icon_color=”#fff” text_shadow=”0px 0px 0px #000000″]Iscriviti alla formazione REST![/su_button]

A proposito di REST

REST – Refugee Employment Support and Training è un progetto dalla durata biennale, co-finanziato dal Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF) dell’Unione Europea e coinvolge otto organizzazioni:

 Per ulteriori informazioni

Visita il sito  rest-eu.org.
Consulta la scheda del progetto REST.
Contatta Cecilie Grusova, cecilie.grusova@cesie.org.


This training course was funded by the European Union’s Asylum, Migration and Integration Fund. The content of this represents the views of the author only and is their sole responsibility. The European Commission does not accept any responsibility for use that may be made of the information it contains.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: riflessioni dalla formazione locale

Ripensare l’autonomia senza acronimi: riflessioni dalla formazione locale

CIVILHOOD ha affrontato il tema dell’autonomia di giovani migranti, sottolineando la complessità delle loro esperienze e la necessità di approcci flessibili. Le sfide includono la difficoltà nel definire l’autonomia e l’impatto delle dinamiche dell’accoglienza sulla loro crescita e integrazione. Il progetto CIVILHOOD ha sviluppato risorse educative per supportare operatorз e volontariз nell’affrontare queste sfide.

CESIE ETS