GenerAzione intercultura: la notte “colorata”

giovedì 10 Novembre 2011

Home » In Azione » Promozione Socio-culturale » GenerAzione intercultura: la notte “colorata”

LVIASabato 19 novembre al Centro Santa Chiara in piazzetta Santa Chiara a Palermo, a partire dalle ore 18 si svolgerà una giornata all’insegna dei diritti e dell’intercultura: la Giornata del Dialogo Interculturale, momento conclusivo del progetto “Giovani e Intercultura: un anno di dialoghi” promosso dall’associazione di cooperazione internazionale LVIA in collaborazione con il Centro Studi Sereno Regis, CEM Mondialità. Il progetto ha ottenuto un finanziamento dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Un anno di iniziative “dal basso” per colorare i territori di Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio e Sicilia e che ha coinvolto 13.000 giovani italiani e stranieri sui temi dell’identità, l’incontro con l’altro, i diritti e lo sviluppo sostenibile. Desiderio di relazioni, di valori, voglia di essere protagonisti è quanto ne è emerso.

In Sicilia, i giovani sono stati sollecitati e si sono attivati in diversi territori a Palermo e nelle Madonie animando le proprie comunità con azioni locali che hanno parlato d’intercultura e di diritti. La Giornata del Dialogo Interculturale è il momento conclusivo di questo anno di attività, che si svolgerà pressoché in contemporanea in ognuna delle regioni coinvolte.

La giornata siciliana, organizzata dalla LVIA, in collaborazione con l’associazione di volontariato Vivi e Lassa Viviri l’associazione S. Chiara e con il supporto del Ce.S.Vo.P., si svolgerà a Palermo sabato 19 novembre presso il Centro Santa Chiara, in piazzetta Santa Chiara con un programma molto ricco. A partire dalle ore 18, con la partecipazione straordinaria dell’artista Mario Incudine, sarà organizzata una notte colorata ricca di musica, danze, video, dialogo, confronti.

Durante la giornata sarà organizzata la raccolta firme in favore della Campagna “L’Italia sono anch’io” per i diritti di cittadinanza e il diritto di voto per le persone di origine straniera che vivono e/o sono nate in Italia

Vito Restivo, referente LVIA in Sicilia, spiega: “Viviamo già nel villaggio globale dove non ci si può interessare soltanto della libera circolazione delle merci, ma delle sorti e del buon vivere di ogni uomo, qualunque sia la sua cultura, la religione, la provenienza geografica. Siamo tutti parte della stessa e unica famiglia umana. Le persone che abbiamo conosciuto grazie a questo progetto ci hanno insegnato a leggere la storia contemporanea con gli occhi sgombri da pregiudizi e con la voglia di costruire un mondo più giusto e più equo”.

Scarica la locandina

CESIE ETS