InnovAgroWoMed: un nuovo percorso di formazione per giovani professioniste

giovedì 8 Luglio 2021

Home » Cooperazione Internazionale » InnovAgroWoMed: un nuovo percorso di formazione per giovani professioniste

Anche il secondo percorso della formazione InnovAgroWoMed è iniziato!

Lunedì 5 luglio abbiamo presentato il ciclo di incontri dedicato alle professioniste nel campo della trasformazione agroalimentare, a cui parteciperanno 19 tra le giovani donne selezionate.

Il percorso è dedicato alle partecipanti che desiderano formarsi nel settore delle lavorazioni alimentari per poter programmare tutte le fasi del processo produttivo in maniera efficiente e sostenibile. Si tratta di un percorso formativo altamente professionalizzante e completamente gratuito, che mira ad aumentare le competenze delle partecipanti, ma che soprattutto vuole rappresentare un’opportunità per rafforzare l’occupazione femminile organizzando iniziative di supporto all’impiego quali business e career forum e attività specifiche di job matching sul territorio.

Le nostre partecipanti sono donne dai background eterogenei, che hanno in comune una forte motivazione, tanta voglia di apprendere e di fare, e il desiderio di intraprendere una nuova carriera in un settore strettamente collegato all’identità della regione mediterranea e alla sua occupabilità, ma con un significativo potenziale ancora non sfruttato in termini di inclusione e uguaglianza di genere.

Il percorso formativo proposto, suddiviso in 6 moduli sviluppati sulla base delle esigenze e dei bisogni delle partecipanti, nasce da una ricerca a livello locale sui settori dal maggior potenziale di sviluppo e sugli attori chiave da coinvolgere. Partendo dallo studio della programmazione e pianificazione delle diverse fasi del processo produttivo e delle nuove tecnologie per renderlo efficiente e sostenibile, le partecipanti al percorso professionale impareranno ad utilizzare gli strumenti digitali che possono migliorare l’efficienza del processo di produzione. Le competenze trasversali come il lavoro di squadra, la risoluzione dei problemi e il dialogo interculturale daranno una marcia in più al percorso, e il rafforzamento delle competenze settoriali permetterà alle partecipanti di scendere in campo per la parte pratica della formazione con determinazione e voglia di fare!

Le modalità di attuazione del percorso formativo comprenderanno: lezioni in live streaming, contenuti e approfondimenti disponibili sulla piattaforma di formazione dedicata, visite studio, attività laboratoriali, affiancamento e formazioni presso aziende.

Il percorso si concluderà a gennaio 2022.

L’inizio di questa nuova formazione nell’ambito del progetto InnovAgroWoMed è per noi una grande opportunità per contribuire ad accrescere la consapevolezza dell’importanza di un lavoro equo e sostenibile che favorisca l’empowerment femminile in un settore, quello agroalimentare, ancora troppo frammentato e poco partecipato da parte delle donne.

A proposito di InnovAgroWoMed

InnovAgroWoMed intende rafforzare l’occupazione femminile e la capacità di fare impresa nel settore agroalimentare, un’industria strettamente collegata all’identità della regione mediterranea e con un significativo potenziale ancora non sfruttato in termini di innovazione e crescita. È un progetto co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il programma ENI CBC MED.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto e visita il sito web.

Contatta: international@cesie.org.

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

Ripensare l’autonomia senza acronimi: percorsi per persone di minore età arrivate sole

CIVILHOOD esplora l’interconnessione tra dimensioni socio-relazionali, lavorative e formative nel settore dell’accoglienza, evidenziando l’importanza di un approccio interculturale e inclusivo. Si mette in luce la necessità di ripensare il concetto di autonomia senza utilizzare acronimi, proponendo percorsi mirati per le persone di minore età arrivate sole, affrontando sfide come lo sfruttamento lavorativo e la standardizzazione dei percorsi.

CESIE