Dobbiamo a Mario la verità. Non accettiamo l’ennesimo caso irrisolto

venerdì 17 Luglio 2020

Home / Notizie / Dobbiamo a Mario la verità. Non accettiamo l’ennesimo caso irrisolto

Abbiamo appreso con dolore la triste e scioccante notizia della morte di Mario Carmine Paciolla. Abbiamo conosciuto e apprezzato Mario durante la sua partecipazione a CABURERA, un progetto ENPI nell’ambito del quale ha svolto un tirocinio in Giordania, presso Al-Hayat, e a Palermo. Durante la sua esperienza, si è distinto per la sua sensibilità, senso di responsabilità e partecipazione attiva a tutte le attività che portiamo avanti nella difesa dei diritti dei più deboli. Mario aveva 33 anni, una forte passione per la cooperazione internazionale e si è sempre impegnato per la pace e la giustizia sociale. Da dicembre lavorava in Colombia come operatore ONU addetto alla verifica degli accordi di pace delle Nazioni Unite tra il governo colombiano e i guerriglieri rivoluzionari della FARC. Sarebbe dovuto tornare nella sua Napoli il 20 luglio. È morto in circostanze sospette. Nei suoi ultimi giorni aveva confessato alla sua famiglia preoccupazione e inquietudine per qualcosa che lo faceva sentire minacciato. Il caso è stato ricostruito come suicidio, ma fin da subito è apparso evidente che non si trattasse di una ricostruzione esatta per le ferite da taglio presenti sul suo corpo. La morte di Mario è una grave perdita per tutti quelli che operano nella cooperazione internazionale. Insieme a Per Esempio Onlus e HRYO – Human Rights Youth Organization, ci uniamo al dolore della sua famiglia, degli amici e delle amiche, dei colleghi tutti. Ai suoi cari va tutto il nostro cordoglio e affetto. Chiediamo che sia fatta chiarezza sull’accaduto, ci uniamo all’appello dei genitori di Mario, Anna Motta e Giuseppe Paciolla, e invitiamo tutti a sottoscrivere la petizione destinata al Ministero degli Esteri, affinché la morte di Mario non venga archiviata come l’ennesima tragedia senza risposte. Lo dobbiamo alla sua famiglia, lo dobbiamo a Mario. 

#IostoconMarioPaciolla

 

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Siamo lietə di annunciare la firma di un nuovo protocollo d’intesa con la rete della Fondazione Comunitaria e di fa bene, progetto che promuove ecosistemi di pratiche locali di economia sociale e solidale che trasformano e accrescono il benessere delle comunità.

Lo facciamo incrociando il percorso di InnovAgroWoMed con fa bene nell’impegno comune volto a ridurre le disuguaglianze attraverso il cibo e supportare l’inserimento lavorativo di persone che vivono una situazione di fragilità.

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

Nell’ambito del progetto STEM*lab, in aprile si sono tenute le prime giornate di presentazione delle attività delle Mystery Box, come strumenti di attività di empowerment delle famiglie, tenute dal Explora-Museo dei Bambini di Roma, con il supporto di Palermo Scienza e del CESIE.

CESIE