GEM: si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione

lunedì 21 Agosto 2017

Home » Giovani » GEM: si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione

Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione”.

Platone

Questa frase riassume in modo efficace lo spirito che ha guidato, in circa un anno, il partenariato di GEM il quale si è incontrato per il meeting finale e la conferenza internazionale svoltosi a Palermo dal 20 al 21 Luglio 2017.

Cosi come in ogni viaggio, pieno di spettacolari paesaggi e di sfide da affrontare, vi è un momento, prima del ritorno, in cui si tirano le somme di ciò che si è vissuto e dell’esperienza che si è fatta; Il final meeting di GEM è stato un importante momento di riflessione, di condivisione e di analisi di tutto il percorso svolto dal partenariato del progetto.

Il focus di questi ultimi momenti condivisi è stato il GIOCO DA TAVOLO GEM: un prodotto educativo che permette ai giocatori di conoscere la storia, gli usi ed i costumi, il cibo ed i principali eventi d’attualità dei paesi partner del progetto: Italia, Palestina, Egitto e Francia.

Il gioco è stato testato da più di 160 giovani – dai 14 ai 20 anni – tra i paesi partner, ottenendo una valutazione molto positiva.

I risultati del progetto sono stati condivisi durante la conferenza internazionale, che ha visto la partecipazione di più di 40 persone provenienti da associazioni culturali, scuole e centri di accoglienza ma anche educatori non formali, studenti che avevano partecipato ai workshop, insegnati o semplicemente persone curiose di conoscere GEM e il suo gioco da tavolo!

In particolare, la conferenza è stata caratterizzata dai seguenti momenti:

  • presentazione del progetto e della Fondazione Anna Lindh;
  • riflessioni sul valore pedagogico del gioco;
  • presentazione dettagliata del gioco da tavolo;
  • condivisione delle esperienze dei diversi paesi (grazie anche ai discorsi dei rappresentanti delle organizzazioni partner del progetto).

L’evento ha inoltre promosso il networking e la reciproca conoscenza tra le associazioni locali e tra i partner internazionali del progetto, supportando la condivisione di opinioni e idee per lo sviluppo di strategie innovative per l’educazione alla cittadinanza interculturale.

Nel mese di agosto, i partner del progetto organizzeranno un seminario locale nei loro paesi per migliorare e moltiplicare l’impatto e la conoscenza del progetto

GEM – Game for EuroMed coinvolge organizzazioni da entrambe le rive del Mediterraneo e in particolare:

  • CESIE – coordinatore (Italia);
  • ADICE – Association for the Development of Citizen and European Initiatives (Francia);
  • JUHOUD – Juhoud for community and Local Development (Palestina),
  • WASEELA – Waseela for training and development (Egitto).

Seguite gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook o su gameforeuromed.eu.

Per ulteriori informazioni su GEM, contattate letizia.portera@cesie.org e giovanni.barbieri@cesie.org.

 


With the support of:

alf logo 2012

The content of this publication is the sole responsibility of CESIE and does not necessarily reflect the position of the Anna Lindh Foundation.

CESIE ETS