SAAMA: formazione per operatori e operatrici dell’accoglienza

martedì 3 Novembre 2020

Home / Opportunità / SAAMA: formazione per operatori e operatrici dell’accoglienza

Riparte il percorso di formazione rivolto ad educatori, coordinatori di cooperative, mediatori culturali, insegnanti di italiano, volontari, psicologi di Palermo e di Marsala che, per professione o per attivismo, lavorano al fianco di persone con background migratorio.

In questo quadro SAAMA interviene sul sistema di accoglienza declinandolo in chiave di “comunità educante”, intesa come rete di attori privati e pubblici all’interno della quale i minori migranti non accompagnati possano trovare punti di riferimento nei vari ambiti del loro percorso di formazione e di autonomia.

Gli incontri – organizzati da CESIE, NottedoroArchè ONLUS e Libera Palermo – verranno suddivisi in 4 moduli formativi che verteranno su tematiche relative a:

  • gestione della diversità, consapevolezza e sensibilità interculturale;
  • trasferimento di “buone pratiche di inclusione e di espressione dei talenti dei giovani migranti”;
  • promozione della partecipazione attiva tra i giovani, del senso di appartenenza e di cura verso la comunità in cui si vive.

Vuoi partecipare alla formazione SAAMA?

I laboratori si terranno online nelle seguenti date.

Per gli operatori di Palermo:

  • 17 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00
  • 18 novembre dalle ore 14.30 alle18.30
  • 19 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00
  • 20 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00

Per gli operatori di Marsala:

  • 24 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00
  • 25 novembre dalle ore 14.30 alle18.30
  • 26 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00
  • 27 novembre dalle ore 9.00 alle 13.00

La partecipazione al corso è gratuita, i posti sono limitati.

Invia CV e lettera motivazionale a migration@cesie.org specificando se vuoi partecipare alla formazione di Palermo o di Marsala entro l’11 novembre. Una volta confermata l’iscrizione ti verrà inviato il link per accedere all’incontro.

 

Certificazioni e Crediti

Al termine della formazione verranno rilasciati attestati di partecipazione.

 

A proposito di SAAMA

SAAMA – Strategie di Accompagnamento all’Autonomia per Minori Accolti partecipa a Never Alone per un domani possibile, un’iniziativa promossa da Fondazione CariploCompagnia di San PaoloFondazione CON IL SUDEnel CuoreFondazione Cassa di Risparmio di TorinoFondazione Cassa di Risparmio di CuneoFondazione Cassa di Risparmio di Padova e RovigoFondazione Monte dei Paschi di Siena e Fondazione Peppino Vismara, inserita nel quadro del Programma europeo EPIM Never Alone-Building our future with children and youth arriving in Europe.

Nella lingua Mandinka SAAMA significa “Domani”. Un domani che vorremmo accogliente e fondato sui diritti fondamentali della persona, accompagnando verso l’autonomia ragazzi e ragazze arrivati in Italia da minori migranti soli, valorizzando le loro risorse e competenze, e sostenendoli nella realizzazione dei loro percorsi individuali per l’ingresso nel mercato del lavoro.

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto.

Visita il sito 

Contatta Daria La Barbera, daria.labarbera@cesie.org.

Sinergie interculturali nel campo dell’artigianato: i workshops di MyHandScraft a Palermo

Sinergie interculturali nel campo dell’artigianato: i workshops di MyHandScraft a Palermo

Dal 24 Settembre 2020, il CESIE ospita ogni giovedì un workshop che riunisce artigiani con diversi background culturali e facilita uno scambio interculturale ed un processo di apprendimento reciproco attraverso l’utilizzo di diverse tecniche artigianali. I workshop locali condotti finora, nonostante le difficoltà legate alle particolari circostanze che stiamo vivendo, sono stati un successo!

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

Sport e inclusione delle donne immigrate: le buone pratiche raccolte da SCORE

La mancanza di partecipazione sportiva è una sfida importante che influisce negativamente su un’efficace integrazione nel paese ospitante. SCORE ha identificato 15 pratiche sulla partecipazione delle donne immigrate e rifugiate alle attività sportive locali, offrendo uno spazio sicuro per aumentare la tolleranza e il rispetto reciproci, nonché per ridurre i pregiudizi e la xenofobia.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!