La mia esperienza di volontariato al CESIE

lunedì 5 Luglio 2021

Home / Esperienze / La mia esperienza di volontariato al CESIE

Ciao a tutti, mi chiamo Junior, ho 23 anni e abito a Palermo da 7 anni. Ho svolto un volontariato di due mesi al CESIE tramite il Corpo Europeo di Solidarietà. Ho deciso di partecipare a questo progetto per imparare nuove competenze, conoscere nuove persone e fare nuove esperienze.

La mia esperienza con il CESIE mi ha aiutato a conoscere e migliorare le mie competenze e le mie abilità. Durante questi due mesi, ho svolo diverse attività di Solidarietà nei centri locali a Palermo. Ho lavorato in un’associazione che si occupa di raccogliere, aggiustare e ristrutturare oggetti, vestiti usati e tantissime altre cose per rivenderle in un mercato solidale.

Grazie al progetto, ho imparato nuove parole in Italiano e altre competenze trasversali come il lavoro di squadra, la creatività o la gestione del tempo ed il rispetto per tutti. In questo periodo sono anche diventato più sicuro di me.

A parte questo, ho conosciuto delle nuove persone molto carine durante il laboratorio con le facilitatrici del CESIE, durante il quale abbiamo lavorato sulle nostre competenze trasversali, abbiamo creato e letto una storia, scambiato delle idee e abbiamo anche lavorato con il computer per migliorare le competenze digitali.

Oltre a questo, abbiamo anche partecipato a un progetto sullo sport, nel quale abbiamo parlato di diversi tipi di sport, come calcio e tennis, scoprendo quali competenze servono, dopodiché abbiamo anche giocato. Ad altri ragazzi consiglierei di essere proattivi, mettersi in gioco e di ascoltare.

Junior IRABOR

Volontario di Corpo Europeo di Solidarietà – ESC

Progetto: Mapping Solidarity

La Giordania mi è entrata nel cuore

La Giordania mi è entrata nel cuore

PRIMA Il CESIE ci fa un bellissimo regalo di Natale quando a inizio Dicembre 2021 ci comunica del Winter Camp in Giordania previsto per Marzo 2022. Sembra davvero il perfetto coronamento di un'esperienza unica per me: InnovAgroWoMed. Ed è poi molto bello immaginare di...

CESIE