Volontariato a Palermo: un’esperienza indimenticabile e trasformativa con amici per la vita

lunedì 6 Novembre 2023

Home » Esperienze » Volontariato a Palermo: un’esperienza indimenticabile e trasformativa con amici per la vita

Dopo essermi laureata in Arti e scienze liberali: sfide globali con specializzazione in cultura, storia e società, ho deciso di intraprendere una nuova avventura e acquisire esperienza nelle sfide sociali al di fuori dell’ambiente di studi. Così sono andata a Palermo per due mesi per unirmi al Corpo Europeo di Solidarietà e ho fatto volontariato per il CESIE supportando anche alcuni centri locali della città aiutando gli altri. Fare volontariato qui è stato un modo per aiutare gli altri, conoscere me stessa in modi nuovi, arricchire la mia conoscenza su questioni sociali e provare a conoscere le sfide globali in modo individuale e su piccola scala. Lavorare nei centri locali di Palermo e vivere con volontari internazionali è stata per me un’esperienza indimenticabile e trasformativa.

Una delle esperienze è stata quella della Caritas Diocesana, dove le persone con difficoltà economiche e sociali venivano per un pranzo comunitario quotidiano, un aiuto psicologico, una doccia, un posto per dormire e per ricevere generi di prima necessità. Ho aiutato la mensa a preparare il pranzo, servire il cibo, pulire e altro ancora. Ho conosciuto l’importanza dell’esistenza di tali centri, la loro organizzazione, il cuore gentile di molti siciliani e le difficoltà che derivano dalle barriere linguistiche. Eppure, dopo aver imparato alcune frasi italiane di base, ho avuto modo di conoscere meglio le persone che vengono lì e i volontari locali. Qui mi sono diventate chiare le realtà della povertà, della dipendenza, delle malattie mentali e della disoccupazione. Ho anche visto come il cibo sia più di una semplice necessità per sopravvivere: è un modo per connettersi, per esprimere identità e cultura e per trovare una struttura.

Un’altra attività in cui ho prestato il mio servizio sono dei seminari a cui ho aderito, uno chiamato “Lab Intercultura, Partecipazione Attiva e Orientamento al Lavoro” e l’altro “Orientamento a Lavoro” (orientamento al lavoro). Questi workshop hanno supportato i giovani migranti e rifugiati nella loro esperienza di arrivo a Palermo, attraversando le differenze culturali e la civiltà e rafforzando il rispetto e la comprensione reciproca. I partecipanti hanno inoltre appreso le proprie competenze personali e tecniche e si sono preparati a trovare lavoro in Italia diventando così indipendenti. I laboratori hanno anche creato una comunità per i giovani, spesso isolati, che arrivavano soli e traumatizzati. Ho ascoltato da alcuni rifugiati come hanno effettuato la traversata dall’Africa alla Sicilia, a bordo di imbarcazioni, dove alcuni hanno sperimentato perdite e paura estrema. Ho ulteriormente imparato a conoscere la realtà della loro vita quotidiana. Ho visto come hanno lavorato duramente per imparare l’italiano (molto velocemente), fare amicizia e conoscenze e impegnarsi per creare una vita migliore. Durante i workshop, sono stata un connettore sociale, assicurandomi che tutti fossero coinvolti. Ho parlato con loro dei loro hobby, sogni e passioni e ho cercato di capire se questo potesse essere collegato alle loro competenze e quindi a potenziali modi per guadagnarsi da vivere. Ho imparato come tutti, anche se provenivamo da contesti sociali e culturali diversi, volevamo trattarci a vicenda con rispetto e gentilezza. Era un luogo pieno di diversità culturale: dalle differenze di religione, nazionalità, etnia, genere e sesso, alle differenze di lingua e di pensiero sulle questioni sociali. Mi ha aperto gli occhi su molte cose. Ad esempio, ho imparato che avere una mentalità aperta significa anche rispettare certe opinioni che potrebbero essere più conservatrici. Ho seguito e partecipato a discussioni su ruoli di genere, sessualità, religione e altro, in italiano, il che è stato estremamente stimolante e gratificante quando ho notato che iniziavo a capire sempre di più.

Oltre al volontariato, ho vissuto insieme ad altri sei volontari, tutti provenienti da paesi e contesti culturali diversi. Alla fine di ogni giornata tornavamo a casa con le storie dei nostri centri locali. Dalle storie sul karaoke in un luogo per persone con problemi mentali, ai bambini che si affezionano ai miei amici all’asilo, al gioco degli scacchi, alla riparazione di biciclette in città o al giardinaggio, ai giovani rifugiati che ricevono aiuto in un centro per migranti: ogni giorno abbiamo potuto condividere, riflettere e imparare insieme. Abbiamo anche condiviso storie ed esperienze dei nostri paesi (Ecuador, Germania, Grecia, Ungheria, Lettonia, Serbia, Spagna e Turchia), cucinato cene l’uno per l’altro e trascorso molto tempo visitando molti posti a Palermo e in Sicilia. Vivendo in una casa internazionale dove tutti si dedicano a lavorare in centri culturalmente diversi, mi sono sentita circondata da cuori gentili. Questi due mesi sono passati molto velocemente e rifarei tutto da capo in un batter d’occhio. Non solo ho imparato di più e ho contribuito ad affrontare le sfide globali e locali, ma ho anche stretto amicizie e ricordi indimenticabili per la vita.

Anouska Wright

Volontaria ESC- Sharing solidarity 2023

Unità Giovani

CESIE ETS