Spingersi oltre la confort zone: Marit racconta la sua esperienza di volontariato

martedì 16 Maggio 2023

Home » Esperienze » Spingersi oltre la confort zone: Marit racconta la sua esperienza di volontariato

Ciao a tutti,

Mi chiamo Marit, ho 18 anni e sono stata una volontaria per il CESIE di Palermo per due mesi. Quando mi trovavo nei Paesi Bassi, ero alla ricerca di più avventura e volevo davvero incontrare nuove persone. Sono entrata nel sito web del Corpo europeo di solidarietà e mi sono imbattuta in questa opportunità, che promuoveva la comunità e il miglioramento delle abilità sociali, cosa che ha sicuramente attirato la mia attenzione.

Insieme a volontari provenienti da tutta Europa ho avuto modo di sperimentare diversi tipi di attività e sfide. Ho avuto il privilegio di lavorare con bambini (piccoli), il che mi ha insegnato molto sulla comunicazione e sulla cura dei bambini quando non capisci completamente la loro lingua. Durante i due mesi ho avuto modo di legare con loro e imparare un po’ di italiano che ha reso molto più facile la comprensione, sia per loro che per me, e fare alcune attività come colorare e aiutarli con i compiti.

Essere grata e flessibile sono due abilità che ho acquisito a Palermo.

Un altro centro in cui ho fatto volontariato ha svolto un ruolo importante in questo progresso personale. In questo centro ho avuto modo di aiutare un team di persone molto alacre e appassionato nel fornire un pranzo caldo alle persone meno fortunate di Palermo che avevano bisogno di cibo e compagnia l’una dall’altra. I compiti principali erano tagliare le verdure come preparazione per il pranzo, servire il cibo e pulire dopo.

Nei due mesi che ho trascorso a Palermo posso sicuramente dire di essere diventata più consapevole dell’interculturalità e di avere acquisito una mentalità aperta per questo, sono diventata più indipendente e sicura di me e forse la cosa più importante è che ho stretto delle belle amicizie. Queste amicizie potrebbero essere definite come la cosa migliore che ho ottenuto da questa esperienza. Quasi tutti noi abbiamo svolto una sorta di lavoro di comunità ed è stato molto bello poter condividere le nostre esperienze quotidiane, che a volte possono essere un po’ difficili o stressanti, l’uno con l’altro, ma anche poter esplorare la città e il tutta la Sicilia.

Imparare la lingua italiana è anche una bella sfida quando sei all’estero. Penso di non dire niente di nuovo quando dico che gli italiani faticano un po’ con la lingua inglese. Fortunatamente eravamo tutti insieme come volontari stranieri. È stato molto divertente imparare un po’ di italiano attraverso internet, ma anche grazie ai bambini con cui ho avuto modo di lavorare mi hanno aiutato molto. Non solo parlando con me, ma leggendo libri per bambini, guardando la TV italiana per bambini e ascoltando canzoni per bambini.

Nel complesso, sono molto grata di aver preso parte a questo progetto e voglio incoraggiare altri giovani a esplorare di più fuori dalla tua zona di comfort e crescere come persona!

Marit Spijker

Volontaria ESC – Sharing solidarity

Youth Unit

CESIE ETS