D3- Perché promuovere l’uso dei dati digitali nella scuola secondaria?

lunedì 26 Ottobre 2020

Home / Scuola / D3- Perché promuovere l’uso dei dati digitali nella scuola secondaria?

Oggigiorno abbiamo accesso ad una quantità illimitata di dati e informazioni, derivanti da una grande varietà di fonti: social media, messaggi whatsapp, le notizie online, solo per citarne alcune. Queste risorse influenzano inevitabilmente il nostro modo di pensare e la nostra identità in quanto cittadini.

Il termine cittadinanza digitale viene utilizzato sempre più frequentemente per definire la partecipazione alla società online. I cittadini digitali hanno gli stessi diritti e doveri della vita reale, a partire da un uso consapevole dei servizi della pubblica amministrazione. Come espresso nella Raccomandazione del Consiglio d’Europa sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente, la competenza digitale contribuisce alla crescita personale, l’occupabilità, l’inclusione sociale e la cittadinanza attiva.

L’uso dei dati digitali è uno stimolo decisivo per lo sviluppo del pensiero critico, di un atteggiamento riflessivo e responsabile, della curiosità. La condivisione dei dati facilita la ricerca, lo sviluppo, la definizione di decisioni politiche responsabili, la democrazia. Tali aspetti sono stati discussi durante il Social Cafè “Tecnologia per tutt*”, organizzato in data 15 Ottobre 2020, in occasione degli Erasmus+ days.

Rivedi il Social Cafè “Tecnologia per tutt*” su Facebook o cliccando sul video in basso.

Sulla base di queste premesse, il progetto Erasmus+ D3 mira al miglioramento delle competenze di insegnanti e studenti della scuola secondaria e a ridurre il divario tra formazione e mercato del lavoro. Tuttora, la maggior parte di scuole in Europa non presenta dei corsi specifici sull’uso degli open data e gli stessi insegnanti spesso non hanno le competenze adeguate.

Il progetto D3 offre risorse e strumenti di supporto allo sviluppo delle competenze professionali in queste aree. Le risorse realizzate inoltre aiuteranno i giovani ad accrescere il proprio pensiero critico nell’uso dei dati e delle informazioni e al tempo stesso a connettersi a coloro che usano queste informazioni per fare delle scelte a livello locale, regionale ed europeo.

La prima risorsa del progetto, lo Studio Comparativo Europeo, è disponibile gratuitamente online: https://cesie.org/media/D3-Comparative-Review-CESIE.pdf

Il Report offre un’analisi delle opportunità di alfabetizzazione dei dati digitali in relazione a curricula scolastici, qualifiche e disponibilità di appositi strumenti nell’istruzione secondaria, incluse linee guida e modelli di riferimento per l’inclusione di questi dati e relative competenze.

I partner di progetto stanno sviluppando un corso di formazione online per docenti sull’uso dei dati e delle tecnologie digitali nella scuola secondaria. Le prossime tappe includono un insieme di risorse e materiali per l’integrazione dei dati digitali nelle scuole e una galleria di casi studio su tale tematica.

Vorresti partecipare al corso di formazione? Per maggiori informazioni, contatta Simona Sglavo: simona.sglavo@cesie.org.

Sul progetto

D3 – Developing Digital Data literacy (D3) è co-finanziato da DG EAC, Erasmus+: Azione chiave- Partenariati strategici nel settore dell’istruzione scolastica.

Partner

Il progetto coinvolge 7 organizzazioni:

Per ulteriori informazioni

Contatta Simona Sglavo: simona.sglavo@cesie.org.

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Siamo lietə di annunciare la firma di un nuovo protocollo d’intesa con la rete della Fondazione Comunitaria e di fa bene, progetto che promuove ecosistemi di pratiche locali di economia sociale e solidale che trasformano e accrescono il benessere delle comunità.

Lo facciamo incrociando il percorso di InnovAgroWoMed con fa bene nell’impegno comune volto a ridurre le disuguaglianze attraverso il cibo e supportare l’inserimento lavorativo di persone che vivono una situazione di fragilità.

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

Nell’ambito del progetto STEM*lab, in aprile si sono tenute le prime giornate di presentazione delle attività delle Mystery Box, come strumenti di attività di empowerment delle famiglie, tenute dal Explora-Museo dei Bambini di Roma, con il supporto di Palermo Scienza e del CESIE.

CESIE