TeaEdu4CT – Pensiero computazionale per i docenti del futuro

lunedì 25 Gennaio 2021

Home / Alta formazione e Ricerca / TeaEdu4CT – Pensiero computazionale per i docenti del futuro

Il pensiero computazionale consiste nel prendere quel problema complesso e scomporlo in una serie di piccoli problemi più gestibili (decomposizione). Ognuno di questi problemi più piccoli può poi essere esaminato singolarmente, considerando come problemi simili sono stati risolti in precedenza (riconoscimento del modello) e concentrandosi solo sui dettagli importanti, ignorando le informazioni irrilevanti (astrazione). Successivamente, si possono progettare semplici passi o regole per risolvere ciascuno dei problemi più piccoli (algoritmi). Infine, questi semplici passi o regole vengono utilizzati per risolvere il problema complesso nel modo più efficiente possibile, dicendo a una persona o a un computer cosa fare.

Essere in grado di trasformare un problema complesso in un problema che possiamo facilmente comprendere è un’abilità che è estremamente utile nella vita di tutti i giorni, ed è la pietra angolare del mondo digitale: computer e macchine non pensano da soli, ma hanno bisogno di istruzioni dettagliate da parte dell’uomo per funzionare. Il pensiero computazionale permette di sapere esattamente cosa dire alla persona o al computer di fare per risolvere il problema. Produrre le indicazioni passo dopo passo per risolvere un problema è pensiero computazionale, mentre seguire le indicazioni è programmazione.

Le competenze di Pensiero Computazionale diventeranno sempre più richieste in futuro, ed è fondamentale che siano parte integrante della didattica. La capacità dei futuri insegnanti di comprendere e trasferire queste competenze diventa cruciale. Si rivela dunque necessaria una revisione dei programmi di formazione degli insegnanti.

Il progetto Future Teachers Education: Computational Thinking and STEAM (TeaEdu4CT) nasce appunto per promuovere l’insegnamento del Pensiero Computazionale nei diversi gradi di istruzione e tramite le diverse discipline, prestando attenzione agli aspetti pedagogici e didattici ma senza dimenticare gli aspetti tecnici. Il gruppo target del progetto sono futuri insegnanti di qualsiasi disciplina per la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria.

La pandemia di COVID-19 e le restrizioni applicate nei paesi partner del progetto TeaEdu4CT hanno certamente avuto un impatto sul progetto, determinando dei cambiamenti nella gestione e sull’andamento del progetto, ma il nostro lavoro non si è fermato.

Nei mesi scorsi abbiamo continuato a sviluppare i materiali necessari alla formazione di futuri insegnanti su diversi aspetti del pensiero computazionale e dell’apprendimento delle discipline STEAM, utili a favorire la loro comprensione di concetti legati all’informatica e alle tecnologie digitali. I materiali sviluppati potranno essere integrati in corsi di studio universitari e attività di formazione continua. Sono stati completati i seguenti 10 moduli formativi:

  • M1 – Quadro per lo sviluppo dei moduli: Pensiero Computazionale & STEAM per la formazione dei futuri insegnanti;
  • M2 – Introduzione generale del Pensiero Computazionale: un modulo di base adatto a tutti gli insegnanti;
  • M3 – Pensiero Computazionale per i futuri insegnanti in età prescolare (scuola dell’infanzia): caratteristiche specifiche, approcci e soluzioni pratiche;
  • M4 – Pensiero Computazionale per i futuri insegnanti della scuola primaria: caratteristiche specifiche, approcci e soluzioni pratiche;
  • M5 – Pensiero Computazionale per i futuri insegnanti STEM: caratteristiche specifiche, approcci e soluzioni pratiche;
  • M6 – Pensiero Computazionale per i futuri insegnanti di informatica: caratteristiche specifiche, approcci e soluzioni pratiche;
  • M7 – Pensiero Computazionale per i futuri insegnanti di lingue e scienze umane: caratteristiche specifiche, approcci e soluzioni pratiche;
  • M8 – Ambienti didattici per il Pensiero Computazionale: progettazione e aspetti di integrazione;
  • M9 – Usare il Costruttivismo, e la Pedagogia del Progetto e della Sfida per l’apprendimento del Pensiero Computazionale;
  • M10 – Aspetti tecnologici, pedagogici e di progettazione didattica dell’insegnamento del Pensiero Computazionale per STEAM.

Attualmente i moduli sono in fase di valutazione da parte di un gruppo di esperti esterni. Il progetto TeaEdu4CT dedica particolare attenzione al processo di controllo e miglioramento qualità. Il CESIE e l’Università di Vilnius, responsabili del Controllo Qualità nel progetto, hanno sviluppato un piano di Controllo Qualità con specifici criteri e strumenti per la valutazione della gestione e dei risultati del progetto. Il processo di revisione comprende la valutazione interna ed esterna dei moduli del progetto e l’utilizzo dei risultati delle valutazioni per il miglioramento della qualità dei moduli formativi.

Nella prossima fase, si procederà al test dei moduli formativi nei paesi partner.

Ti stai formando per diventare insegnante o sei un docente universitario interessato a proporre questa formazione ad un gruppo di studenti?

Contatta Alessia Valenti: alessia.valenti@cesie.org.

Leggi la scheda progetto.

Contatta Alessia Valenti: alessia.valenti@cesie.org.

CESIE