CHASE – Combatting online Hate Speech by engaging online mEdia

Home » Progetti » Diritti e Giustizia » CHASE – Combatting online Hate Speech by engaging online mEdia

Affrontare l’odio online basato sul genere attraverso un meccanismo completo per i media online per individuare ed affrontare efficacemente il problema e prevenire violenze e crimini d’odio.

Contesto

Negli ultimi anni, la cyber-violenza e i discorsi di odio online contro le donne sono emersi come forme insidiose di violenza di genere (GBV). Questi fenomeni comprendono una vasta gamma di abusi, dal “slut-shaming” e “body-shaming” alle minacce brutali e sessualizzate, inclusa la diffusione di contenuti intimi senza consenso (revenge porn). La rapida evoluzione delle piattaforme online ha creato un terreno fertile per l’odio di genere, sfruttando l’anonimato e la persistenza dei dati online. Questo ambiente facilita la diffusione di messaggi d’odio che possono avere conseguenze devastanti per le vittime, compromettendo la loro privacy, fiducia e integrità.

Nonostante la crescente incidenza di questo fenomeno, la ricerca su questa forma di violenza è ancora agli inizi e i dati disponibili sono limitati e spesso non disaggregati per genere. Questo limita la comprensione della prevalenza e dell’impatto della violenza di genere online, rendendo difficile sviluppare politiche efficaci per contrastarla.

Il contesto in cui opera il progetto CHASE evidenzia una mancanza di politiche armonizzate a livello UE per combattere la cyber-violenza di genere e una generale mancanza di consapevolezza del problema sia nel settore pubblico che in quello privato. Inoltre, mentre alcune iniziative sono state intraprese per contrastare i discorsi di odio sui social media, poco è stato fatto per altri tipi di media online. È urgente fornire allɜ professionistɜ dei media gli strumenti e le competenze necessari per affrontare efficacemente i discorsi di odio di genere, contribuendo così a proteggere i valori e i diritti dell’UE.

Obiettivi

  • Evidenziare i diversi schemi di discorsi d’odio basati sul genere e sull’identità di genere e come si manifestano sulle piattaforme dei media online.
  • Potenziare le capacità dellɜ professionistɜ che lavorano per i media online nell’identificare e affrontare casi di discorsi d’odio basati sul genere.
  • Migliorare l’accesso per le organizzazioni della società civile e/o ONG e professionistɜ dei diritti umani ai dati sulla portata e la prevalenza dei discorsi d’odio basati sul genere, migliorando la loro capacità di comprendere e affrontare le espressioni online e le nuove forme di tale odio.
  • Sensibilizzare il pubblico sui diritti umani, il rispetto per il genere e l’identità di genere e favorire il pensiero critico tra gli utenti dei media online riguardo agli stereotipi che coltivano la discriminazione basata sul genere e i discorsi d’odio.

Attività

  • Ricerca sul quadro normativo esistente riguardante i discorsi d’odio online, i meccanismi esistenti di individuazione e risposta ai casi di discorsi d’odio online basati sul genere, e l’identificazione di tutti i diversi schemi di discorsi d’odio online basati sul genere.
  • Sviluppo di uno strumento ICT per rilevare i discorsi d’odio online basati sul genere.
  • Progettazione di un meccanismo completo per contrastare i discorsi d’odio online basati sul genere e capacità di dipendenti e professionistɜ dei media online.
  • Stesura, firma e promozione di un Codice di Condotta per le piattaforme dei media online sulla lotta alla violenza online basata sul genere.
  • Campagna di sensibilizzazione realizzata dai media online verso i loro utenti e altri media e attività di diffusione.

Risorse

  • Analisi dei bisogni per i media online
  • CHASE ICT tool
  • Meccanismo per contrastare i discorsi d’odio online basati sul genere
  • Codice di Condotta per le piattaforme dei media online
  • Strategia di sensibilizzazione

Impatto

  • Aumento delle capacità di almeno 200 dipendenti e professionistɜ dei media online nell’identificare e contrastare i discorsi d’odio online basati sul genere.
  • Aumento della consapevolezza pubblica di almeno 50.000 persone su cosa sia il discorso d’odio basato sul genere e come costituisca una violazione dei diritti umani.
  • Sviluppo di un meccanismo completo per contrastare i discorsi d’odio online basati sul genere, supportato da uno strumento ICT di rilevamento in tempo reale.
  • Codice di Condotta per le piattaforme dei media online sulla lotta alla violenza online basata sul genere sviluppato e firmato da almeno 24 media.
  • Aumento delle conoscenze di almeno 50 dipendenti di CSO/NGO e/o professionistɜ dei diritti umani sui nuovi tipi di discorsi d’odio online basati sul genere.

Partner

Il progetto

CHASE – Combatting online Hate Speech by engaging online mEdia

Numero di progetto

101143159

Data di attuazione

1/03/2024 – 28/02/2026

Istituzione Finanziatrice

Directorate-General for Justice and Consumers, CERV-2023-CHAR-LITI – Promote civil society organisations’ awareness of, capacity building and implementation of the EU Charter of Fundamental Rights

Categorie

Unità

Info & contatti

E-mail

luciano.cortese@cesie.org

    Segui il progetto in azione

      CESIE ETS