ORIENT – Orienteering per l’inclusione sociale

venerdì 9 Aprile 2021

Home / Giovani / ORIENT – Orienteering per l’inclusione sociale

Cos’è in grado di fare un gruppo di giovani esploratori con una bussola e una mappa in mano? Scoprilo insieme a noi!

L’orienteering è uno sport di base ancora sconosciuto a molti ma la cui popolarità è in rapida ascesa. Nato nel tardo ‘800 come esercitazione militare, è ora uno sport a tutti gli effetti che, avvalendosi di pochi specifici strumenti e tanta voglia di esplorare, riesce ad appassionare persone di tutte le età, che riunite all’interno di un gruppo collaborano per raggiungere un obiettivo comune.

Questo sport è alla base del progetto ORIENT – Young explorers re-discover local communities through orienteering che, grazie al supporto di allenatori, associazioni sportive e organizzazioni della società civile, mira a promuovere l’inclusione sociale di giovani svantaggiati coinvolgendoli nella scoperta della propria comunità locale attraverso l’orienteering.

Nei prossimi due anni, un gruppo di giovani provenienti da Italia, Bulgaria, Austria, Bosnia ed Erzegovina, Grecia e Cipro avranno la possibilità di creare nuovi percorsi di orienteering all’interno degli ambienti naturali e urbani delle rispettive città, mantenendosi attivi e migliorando le proprie competenze attraverso attività di gruppo all’aria aperta.

I partner si sono incontrati in modalità virtuale il 3 e 4 Marzo 2021 per discutere sulle principali tematiche dell’orienteering e confrontarsi sulle migliori strategie da adottare per la buona riuscita del progetto.

Le prossime tappe

I partner hanno già iniziato a lavorare all’Antologia ORIENT, una raccolta di buone pratiche sull’uso dell’orienteering per l’inclusione sociale. Sulla base dei risultati della ricerca verrà poi sviluppato il Curriculum di ORIENT, che conterrà un corso di formazione specifico per allenatori sportivi e professionisti delle organizzazioni della società civile, in programma per la prossima primavera.
Verranno in questo modo esplorate le diverse tipologie di attività realizzabili attraverso l’orienteering e le molteplici opportunità che questo sport offre ai più giovani.

Sei un allenatore sportivo, rappresenti un’associazione sportiva o lavori in un’organizzazione della società civile?

Unisciti a noi ed entra a far parte del fantastico mondo dell’orienteering!

A proposito di ORIENT

ORIENT – Young explorers re-discover local communities through orienteering è un progetto cofinanziato dal programma Erasmus + SPORT, Collaborative Partnerships.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto.

Contatta Cloé Saint-Nom: cloe.saintnom@cesie.org.

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Una nuova alleanza per ridurre le diseguaglianze nel settore agroalimentare

Siamo lietə di annunciare la firma di un nuovo protocollo d’intesa con la rete della Fondazione Comunitaria e di fa bene, progetto che promuove ecosistemi di pratiche locali di economia sociale e solidale che trasformano e accrescono il benessere delle comunità.

Lo facciamo incrociando il percorso di InnovAgroWoMed con fa bene nell’impegno comune volto a ridurre le disuguaglianze attraverso il cibo e supportare l’inserimento lavorativo di persone che vivono una situazione di fragilità.

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

STEM*Lab: Sperimentiamo insieme con le Mystery Box

Nell’ambito del progetto STEM*lab, in aprile si sono tenute le prime giornate di presentazione delle attività delle Mystery Box, come strumenti di attività di empowerment delle famiglie, tenute dal Explora-Museo dei Bambini di Roma, con il supporto di Palermo Scienza e del CESIE.

CESIE