Un momento di condivisione stimolante durante l’evento di chiusura di REACH YOUth

giovedì 28 Aprile 2022

Home » Giovani » Un momento di condivisione stimolante durante l’evento di chiusura di REACH YOUth

Lo scorso aprile, il CESIE ha collaborato con il Dipartimento di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali per presentare i risultati di REACH YOUth e testare la sua piattaforma di e-learning!

È stato un momento di condivisione molto stimolante, durante il quale gli studenti e le studentesse hanno partecipato attivamente alla sperimentazione di alcune delle attività sviluppate nell’ambito del Set di Intervento Democratico del progetto, rivolto a tutti coloro che desiderano lavorare con i giovani sottorappresentati e più esposti ad atteggiamenti antidemocratici.

In particolare, gli studenti hanno ritenuto le attività di gruppo proposte estremamente utili come metodo collaborativo per esplorare pregiudizi intrinseci in un ambiente sicuro.

Questa è solo una delle tante attività e moduli sviluppati dall’avvio del progetto nell’ottobre 2019. Il suo obiettivo è stato la creazione di moduli di educazione non formale per promuovere un senso di appartenenza democratica tra i giovani che, per una serie di ragioni, sono più a rischio di essere esposti a comportamenti antidemocratici o estremisti. Il progetto, cofinanziato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea, ha visto negli ultimi 2 anni la collaborazione di 5 organizzazioni partner:

Insieme, abbiamo innanzitutto condotto un’analisi di alcune delle ragioni più comuni alla base del progressivo distacco di alcuni gruppi di giovani nei paesi partner dalla democrazia e dai valori dell’UE. Ciò ha comportato un dialogo con professionisti che operano nel campo del sostegno ai giovani a rischio di emarginazione sociale, che sono stati estremamente utili per far luce su alcuni aspetti centrali, come il senso generale di sfiducia verso le istituzioni, le fake news e la discriminazione.

Sulla base di questi dialoghi, abbiamo quindi sviluppato 4 prodotti di educazione non formale per supportare questi professionisti nel loro lavoro quotidiano con i giovani:

1) Un set di intervento che comprende una raccolta di strumenti, metodologie e mezzi per la formazione alla democrazia.

2) Un modulo supplementare sulla comunicazione e la risoluzione dei conflitti, per aiutare i professionisti a responsabilizzare e formare i giovani per affrontare situazioni conflittuali e dibattiti con tolleranza e dialogo positivo.

3) Una piattaforma di e-learning, dove tutti i materiali didattici e le attività sono disponibili per il download gratuito.

4) Un manuale di trasferimento volto a sostenere i dirigenti nell’integrazione dei valori e dei principi di REACH YOUth nel funzionamento strutturale delle loro organizzazioni o istituzioni.

Il progetto non poteva concludersi in modo migliore, grazie all’impegno attivo degli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e al supporto della professoressa Rosa Rossi durante l’evento finale.

Per scoprire tutte le risorse didattiche, disponibili in tutte le lingue dei partner, visitate il sito web del progetto: https://reachyouth.eu/

A proposito di Reach Youth

Reach Youth è un progetto cofinanziato dal programma Erasmus+, Key Action 2 – Strategic partnerships, European cooperation in vocational education and training (VET), e ha l’obiettivo di fornire agli operatori giovanili strumenti e metodologie aggiornate per discutere di politica e coinvolgimento attivo dei giovani nella vita pubblica.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto, visita il sito web e seguici su Facebook e Instagram.

Contatta Eileen Quinn: eileen.quinn@cesie.org.

Lancio del Centro di Eccellenza Professionale sull’agricoltura climaticamente intelligente in Sicilia

Lancio del Centro di Eccellenza Professionale sull’agricoltura climaticamente intelligente in Sicilia

La Sicilia affronta una crisi idrica che minaccia l’agricoltura. EVECSA risponde con sei Centri di Eccellenza Professionale (CoVE) in vari paesi, promuovendo pratiche agricole sostenibili. Il CoVE siciliano, presentato il 9 maggio all’Università di Palermo, sottolinea la necessità di collaborazione e formazione professionale per migliorare la resilienza regionale e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

CESIE ETS