Un nuovo welfare locale accessibile: coinvolgere e mobilitare le risorse della comunità

giovedì 14 Ottobre 2021

Home / Adulti / Un nuovo welfare locale accessibile: coinvolgere e mobilitare le risorse della comunità

Ripensare il sistema di welfare territoriale in un’ottica di co-ideazione, co-progettazione e co-erogazione è stato lo spunto di riflessione al centro della conferenza organizzata nell’ambito del progetto MoreThanAJob.

Il ruolo dell’economia sociale è cruciale in questo processo ed è sempre più argomento di discussione a livello europeo e internazionale. Da una parte, la Commissione europea sta lavorando allo sviluppo di un Piano d’azione per l’economia sociale per favorire l’investimento sociale e supportare gli attori dell’economia sociale. L’economia sociale e di prossimità è stata anche inserita tra i 14 cluster su cui basare il rilancio della crescita in Europa, ponendolo come tema centrale dei programmi presentati dai governi nazionali per l’utilizzo delle risorse di Next Generation EU.

Dall’altra parte, il ruolo del Terzo settore e dell’economia sociale nella fase di ripresa è evidenziato anche nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ponendo questi attori come interlocutori principali nella definizione ed esecuzione di progetti a valenza sociale e territoriale.  

Dallo stato di welfare al welfare di comunità: riflessioni sul ruolo dell’economia sociale nei servizi territoriali

In questo quadro, il tema dell’amministrazione condivisa, della co-programmazione e della co-progettazione non può che essere al centro del dibattito odierno rispetto a quelle che sono le opportunità e gli scenari futuri per il welfare territoriale.

Il progetto MoreThanAJob nasce in un periodo antecedente l’inizio della pandemia da Covid19 e vede iniziare le sue attività proprio alla vigilia del primo lockdown in Italia. Questo ci ha portati a riflettere, sin dall’inizio, su quali siano state le conseguenze della pandemia sulle disuguaglianze già presenti nella nostra società e su quali mezzi siano stati messi in campo dal privato sociale per supportare gli enti locali nell’erogazione dei servizi per le/i cittadinз.

Partendo dai bisogni del territorio identificati grazie a un confronto costante con gli attori locali, la tavola rotonda “Welfare di comunità, territoriale e sociale: quale ruolo per il Terzo settore?” è stato momento di confronto sulle opportunità per i servizi di welfare locale e su quale sia il ruolo della cooperazione pubblico-privato nel processo di ripresa e rinnovamento.

La cooperazione e la condivisione di risorse e mezzi durante la fase emergenziale del primo lockdown ha permesso di raggiungere un maggior numero di cittadinз, soprattutto coloro che appartengono alle fasce più vulnerabili. Le lezioni apprese in quei mesi sono la base per costruire un dialogo strutturato e sostenibile tra gli attori coinvolti nello sviluppo di servizi e iniziative per l’inclusione di tuttз le/i cittadinз.

Due iniziative per l’inclusione sociale e per favorire l’occupabilità a Palermo: scopri i progetti sovvenzionati da MoreThanAJob!

L’impegno di MoreThanAJob nei processi per la promozione dell’economia sociale e solidale in rete con altri attori locali è rafforzato dalle due iniziative locali finanziate dal progetto che permetteranno un radicamento ancora più forte sul territorio, in particolare nei quartieri Zisa e Ballarò:

  • Artigianato Interculturale ideato da Cresm vuole affrontare le condizioni di lavoro delle/di venditorз ambulanti di Palermo, con particolare attenzione alle/ai lavoratorз migranti. L’obiettivo è promuovere il rinnovamento del loro modello lavorativo in chiave sostenibile, etica e di legalità.
  • The Game presentato da Per Esempio Onlus prevede l’avvio di attività e servizi che avranno l’obiettivo di innalzare i livelli di inclusione socio-lavorativa di persone con background migratorio, di rafforzare i rapporti di collaborazione tra attori dell’economia sociale e pubblica amministrazione, e potenziare i servizi sociali e di welfare rivolti a giovani e adulti migranti.

Abbiamo iniziato a presentarle durante la conferenza e non vediamo l’ora di raccontarvi di più sulle attività che saranno realizzate sul territorio. Seguiteci sul sito del progetto e sui nostri canali social (Facebook, LinkedIn, Twitter) per scoprire di più su quello che accadrà nei prossimi mesi.

Un ringraziamento particolare va a chi ha contribuito con la propria esperienza e i propri contributi durante la conferenza: Angela Errore – Assessorato Cittadinanza Solidale del Comune di Palermo; Claudio Arestivo – Per Esempio Onlus; Luca Cumbo – CRESM; Marzia Campione – Per Esempio Onlus; Maurizio Lo Piccolo – Anpal Servizi S.p.a.

La conferenza si è tenuta giorno 5 ottobre 2021 presso NOZ – Nuove Officine Zisa (Cantieri Culturali alla Zisa).

Per maggiori informazioni su MoreThanAJob, scrivi a giulia.tarantino@cesie.org.

A proposito di MoreThanAJob

MoreThanAJob – Reinforcing social and solidarity economy for the unemployed, uneducated and refugees è un progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma ENI CBC Mediterranean Sea Basin Programme. Il progetto mira a favorire lo sviluppo di meccanismi di cooperazione tra attori dell’Economia Sociale e Solidale e la pubblica amministrazione per migliorare i servizi sociali dedicati a soggetti vulnerabili al fine di accrescere le loro opportunità di inclusione socio-lavorativa.

Partner

Per ulteriori informazioni

Visita il sito, leggi la scheda progetto e seguici su LinkedInFacebook e Twitter.

Contatta Giulia Tarantino: giulia.tarantino@cesie.org.

RIP Suzette Bronkhorst

RIP Suzette Bronkhorst

ESIE esprime profondo cordoglio e tristezza per la scomparsa di Suzette Bronkhorst, co-fondatrice di INACH – International Network Against Cyber Hate.

CESIE