NE(W)AVE – Un futuro energetico più verde, giusto e sostenibile

venerdì 4 Settembre 2020

Home / Adulti / NE(W)AVE – Un futuro energetico più verde, giusto e sostenibile

«Abbiamo due scelte. Possiamo essere pessimisti, arrenderci e contribuire a garantire che accada il peggio. Oppure possiamo essere ottimisti, cogliere le opportunità che sicuramente esistono e forse contribuire a rendere il mondo un posto migliore.»

Noam Chomsky

Dall’accesso all’energia alla giustizia climatica e dall’anti-privatizzazione ai diritti dei lavoratori.

In tutto il mondo la gente sta riprendendo il potere sul settore energetico, combattendo il pessimismo, respingendo il dominio del mercato e reinventando il modo in cui l’energia potrebbe essere prodotta, distribuita e utilizzata per garantire benefici ambientali ed economici alla società.

Allo stesso tempo, il mercato energetico europeo sta attraversando una transizione fondamentale con il passaggio da un sistema basato sui combustibili fossili e sull’energia nucleare a uno basato interamente sulle energie rinnovabili.

La transizione energetica richiederà un investimento considerevole che sarà pagato dai cittadini: in quanto consumatori, contribuenti o risparmiatori. I cittadini dovrebbero quindi essere al centro di questa transizione energetica. Dovrebbero avere il controllo della propria produzione, trasporto, distribuzione e fornitura di energia.

La democrazia energetica è un concetto politico, economico, sociale e culturale che fonde il concetto di transizione energetica tecnologica con il rafforzamento della democrazia e della partecipazione pubblica.

I “democratici” dell’energia hanno definito i seguenti principi della democrazia energetica:

  • ACCESSO UNIVERSALE E GIUSTIZIA SOCIALE
    A tutti dovrebbe essere garantito l’accesso a un’energia sufficiente e conveniente. Il sistema energetico dovrebbe dare la priorità ai bisogni delle comunità, delle famiglie e delle persone emarginate.
  • ENERGIA RINNOVABILE, SOSTENIBILE E LOCALE
    Le risorse di combustibili fossili dovrebbero essere lasciate nel terreno. Vogliamo rendere il mix energetico il più rinnovabile possibile e, in definitiva, rinnovabile al cento per cento.
  • PROPRIETÀ PUBBLICA E SOCIALE
    Nuove forme di proprietà comunale / pubblica e di proprietà privata collettiva, spesso sotto forma di cooperative, stanno emergendo e hanno servito l’interesse pubblico. I mezzi di produzione dovrebbero essere socializzati e democratizzati.
  • EQUO PAGAMENTO E CREAZIONE DI LAVORI “VERDI”
    La transizione dovrebbe essere co-guidata dai lavoratori al fine di garantire che i posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili siano creati, sindacalizzati e equamente retribuiti.

Con l’obiettivo di sostenere i futuri professionisti delle energie rinnovabili e incrementare le loro possibilità di occupazione, NE(W)AVE ha creato, testato e realizzato un modello completo di apprendimento online. Più in generale, il progetto ha puntato all’apertura di un nuovo potenziale mercato del lavoro per i giovani in possesso di competenze tecniche più tradizionali quali elettricisti, idraulici e installatori.

Alla conferenza finale del progetto, tenutasi il 31 agosto, abbiamo presentato i risultati e i prodotti del progetto NE (W)AVE, mentre relatori chiave di società che si occupano di energie rinnovabili e altri interessati al settore hanno presentato il potenziale inesplorato del settore verde.

Ivan Foglia di Medielettra ha presentato lo stato del fotovoltaico in Sicilia e il suo utilizzo in agricoltura. L’azienda di energia rinnovabile Medielettra è stata visitata dagli aspiranti professionisti del settore provenienti da diversi paesi europei durante la mobilità a Palermo tra settembre-ottobre 2019, L’azienda di energie rinnovabili ha dedicato quasi 30 anni allo sviluppo e alla crescita di questa attività rinnovabile offrendo consulenza sui sistemi tecnologici. Medielettra si occupa della progettazione e realizzazione di varie tipologie di impianti: elettrici, per la produzione di energia da fonte rinnovabile, gestione dati e fonia, lavori fibra ottica, domotica, trattamento aria e climatizzazione, antincendio, anti-ratto, gestione e controllo accessi, videosorveglianza. Tutto ciò, in ogni caso con un unico comune denominatore: fornire prodotti e servizi di qualità alla vita di tutti i giorni.

Durante la conferenza, Tommaso Castronovo vicepresidente di Legambiente Palermo, associazione che ha contribuito attivamente alla formazione dei futuri professionisti del settore durante la loro mobilità in Italia nel 2019, ha illustrato la sua esperienza nella promozione e formazione dei Gruppi di Acquisto Solare, attraverso i quali nel 2010-2015 centinaia di famiglie siciliane hanno potuto installare impianti da fonti rinnovabili di buona qualità e a prezzi contenuti.

Dario Ferrante, direttore e fondatore dell’Alter-native Energy Festival e membro del gruppo consultivo per l’Italia per lo sviluppo del corso online NE(W)AVE e delle raccomandazioni politiche, ha presentato l’unico festival in Italia che dal 2007 è interamente dedicato alle energie alternative. La sua missione è creare una comunità di artisti, cittadini, aziende, enti pubblici che si riuniscono ogni anno per promuovere le applicazioni pratiche delle energie alternative. Se desideri ricevere maggiori informazioni sul Festival dell’energie alter-native, scrivi a info@festivalenergiealter-native.eu o visita www.festivalenergiealter-native.eu.

Ettore Costa, project manager del CESIE, ha condiviso la sua passione per la natura, l’economia e la politica. Ha introdotto il concetto e le potenzialità della democrazia energetica spiegando l’enorme impatto che questa può avere nella nostra società. Ettore crede che sia possibile e auspicabile far convivere le questioni sociali ed economiche con una politica ambientale veramente sostenibile, per un futuro più verde, più giusto e più democratico.

Giovanni La Marca, un giovane e ambizioso ingegnere palermitano, che ha partecipato alla formazione presso l’azienda di energie rinnovabili Heliotec, in Spagna, nel settembre-ottobre 2019, ha condiviso durante la conferenza il suo interesse verso il settore verde e la sua esperienza durante la mobilità. Presso Heliotec insieme ad altri futuri professionisti delle rinnovabili da diversi paesi europei in 2 settimane ha potuto migliorare le sue competenze tecniche, professionali e trasversali che lo aiuteranno a lavorare in questo campo.

Negli ultimi 3 anni, il progetto NE(W)AVE ha sostenuto le opportunità di lavoro degli aspiranti professionisti nel settore “verde”, ha promosso opportunità di apprendimento innovative nell’IFP sviluppando un corso onlinesulle energie rinnovabili e ha anche promosso lo sviluppo professionale dei formatori dell’IFP attraverso l’acquisizione di nuove competenze in termini di metodi di insegnamento/apprendimento, tutoraggio e abilità interculturali. Il progetto NE(W)AVE ha sviluppato i seguenti prodotti:

Sul progetto

NE(W)AVE è finanziato dal programma Erasmus+, Azione chiave 2, Partenariati Strategici – Formazione Professionale. Il progetto  mira a creare, implementare e testare un modello di apprendimento comprensivo per i futuri professionisti nel settore delle energie rinnovabili.

Partner

Il consorzio del progetto riunisce 6 organizzazioni:

Per ulteriori informazioni

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!