MoreThanAJob: il ruolo dell’ESS nell’inclusione di migranti e rifugiati

lunedì 29 Marzo 2021

Home / Adulti / MoreThanAJob: il ruolo dell’ESS nell’inclusione di migranti e rifugiati

Quale ruolo può svolgere l’Economia Sociale e Solidale (ESS) nel supportare migranti e rifugiati nelle sfide che affrontano?

Questo è uno degli argomenti affrontati durante il workshop per formatori organizzato da Mutah University all’interno del progetto MoreThanAJob.

Un drammatico aumento del numero di rifugiati e migranti ha colpito molti Paesi del mondo dall’inizio e dalla metà degli anni 2010 [UNHCR]. Accogliere e promuovere la loro significativa inclusione è una questione che accomuna i paesi partner del progetto. Pertanto, contribuire al raggiungimento di questo obiettivo è di fondamentale importanza in MoreThanAJob.

In linea con il principio che nessuno deve essere lasciato indietro dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, il progresso associato allo sviluppo sostenibile deve essere esteso ai membri più vulnerabili della società, come i migranti e i rifugiati. Tuttavia, gli attori politici hanno finora avuto difficoltà nel sostenere questo principio e, spesso, non riescono a includere migranti e rifugiati nella progettazione e nell’attuazione di politiche e servizi.

Il workshop per formatori ci ha dato modo di condividere i diversi contesti locali e le esperienze su come contribuire allo sviluppo di politiche efficaci per l’inclusione di migranti e rifugiati nelle nostre società. Ciò ci ha portato a riflette su quanto spesso il settore pubblico affronta molteplici sfide nell’erogare servizi adeguati, tra queste la mancanza di budget, personale insufficiente per raggiungere tutti i cittadini e un elevato livello di burocrazia.

La natura più flessibile degli attori dell’ESS gli permette di giocare un ruolo significativo nell’aiutare ad affrontare tali sfide: sono profondamente radicati nei contesti locali, possono contribuire allo sviluppo sostenibile in modo inclusivo e, quindi, all’inclusione dei gruppi più vulnerabili delle nostre società, compresi i migranti e i rifugiati. Rispetto al settore pubblico, la flessibilità delle loro attività rende gli attori dell’ESS più capaci di rispondere alle mutevoli esigenze economiche e sociali, come quelle generate dall’aumento del numero di rifugiati e migranti.

Essendo radicati a livello locale e basati sulla fiducia costruita con le comunità locali, sono in grado di fornire servizi su misura per rispondere a diversi bisogni e richieste. Questi servizi variano ampiamente e vanno dal soccorso d’emergenza; al sostegno attraverso alloggi temporanei, cibo e vestiario; a servizi sanitari; a iniziative di istruzione e formazione; all’integrazione nel mercato del lavoro.

Tuttavia, nonostante gli attori dell’ESS abbiano dimostrato la loro resilienza durante le crisi economiche e abbiano contribuito all’erogazione di servizi per rifugiati e migranti, la collaborazione con il settore pubblico è fondamentale per lo sviluppo di politiche più mirate e per armonizzare le attività condotte da entrambi al fine di evitare lacune nei servizi o duplicazioni. Una migliore cooperazione permetterà anche di creare uno spazio politico in cui gli attori dell’ESS possano partecipare attivamente ai processi di policy-making arricchendoli della loro prospettiva ed esperienza.

Il workshop per formatori organizzata dalla Mutah University fa parte di un ciclo di 3 workshop su come migliorare le conoscenze e le competenze degli attori dell’economia sociale e solidale (ESS) per cooperare efficacemente con gli attori pubblici nello sviluppo di servizi innovativi di welfare e supporto.

A proposito di MoreThanAJob

MoreThanAJob – Reinforcing social and solidarity economy for the unemployed, uneducated and refugees è un progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma ENI CBC Mediterranean Sea Basin Programme. Il progetto mira a favorire lo sviluppo di meccanismi di cooperazione tra attori dell’Economia Sociale e Solidale e la pubblica amministrazione per migliorare i servizi sociali dedicati a soggetti vulnerabili al fine di accrescere le loro opportunità di inclusione socio-lavorativa.

Partner

Per ulteriori informazioni

Leggi la scheda progetto e visita il sito web.

Contatta Giulia Tarantino: giulia.tarantino@cesie.org.

CESIE