La cosa più difficile è stata scegliere di partire. Da lì in poi, una volta sull’aereo, è cominciata un’avventura fantastica che non scorderò mai.

Ricordo che all’inizio stavo addirittura rinunciando a mandare la mia candidatura al CESIE. Avevo paura di non essere all’altezza, non ero mai stato così lontano da casa e soprattutto non avevo mai lavorato con delle persone non vedenti. In realtà, quando ti ritrovi a dover affrontare le situazioni, scopri di avere delle risorse di cui neanche sospettavi l’esistenza.

All’aeroporto sono venuti a prendermi Lam, direttore di Vietnam and Friends e Huong, coordinatrice, sempre pronti a darmi una mano. Mi hanno portato alla casa del volontario, una dimora su tre piani nello stile locale, che condividevo con gli altri volontari internazionali del progetto, ragazzi e ragazze di diverse nazionalità (francesi, tedeschi, italiani e anche una brasiliana). Loro sono stati i miei principali compagni di viaggio, con cui ho condiviso le giornate di lavoro e anche i momenti di svago.

La nostra missione consisteva nell’insegnare l’inglese agli studenti non vedenti, tra gli 8 e i 16 anni, di un istituto scolastico ad Hanoi. Al contrario di quanto si possa pensare, questi ragazzi sono vivaci, intelligenti, fanno domande e sono curiosi. Mi sono affezionato molto a loro e penso di avere imparato anch’io molto dalla loro grande capacità di superare gli ostacoli che la loro disabilità a volte comporta. Ho fatto amicizia con i volontari locali dell’associazione, tutti ragazzi molto giovani e alla mano. In generale tutto il popolo vietnamita è molto gentile con gli occidentali, sono affascinati dalla nostra cultura e hanno una mentalità molto aperta.

E poi c’è Hanoi, una città enorme, caotica, inquinata e dove trovi di tutto, qualunque siano i tuoi interessi. Dopo aver imparato ad attraversare la strada e a schivare i motorini, ti puoi divertire a provare uno dei tanti piatti tipici della cucina asiatica, completamente diversi dai nostri e tutti buonissimi, oppure uscire la sera per le vie del centro, sempre pieni gente e di turisti, e di negozietti di ogni tipo.

Conoscere una cultura asiatica così diversa dalla mia mi ha aperto la mente, ho capito tante cose su me stesso, ho allenato le mie aspettative e stuzzicato la mia fantasia. Mi sono divertito e allo stesso tempo ho conosciuto delle persone fantastiche!

2IQM: eperienza in Vietnam per sostenere i ragazzi non vedenti

2IQM: eperienza in Vietnam per sostenere i ragazzi non vedenti

 

Marco, Volontario SVE nell’ambito del progetto Erasmus+ “2IQM


Erasmus+ logoThe European Commission support for the production of this publication does not constitute an endorsement of the contents which reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsi­ble for any use which may be made of the information contained therein.