MEDIA LITERACY – Media literacy for refugee, asylum seeking and migrant women

MEDIA LITERACY – Media literacy for refugee, asylum seeking and migrant women

MEDIA LITERACY – Media literacy for refugee, asylum seeking and migrant women

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo & contatti

  • Sviluppare strumenti di apprendimento innovativi per aumentare le competenze digitali e mediatiche delle donne rifugiate/richiedenti asilo/migranti
  • Aumentare le competenze digitali e mediatiche di alfabetizzazione delle donne rifugiate/richiedenti asilo e migranti.

  • Sviluppo dell’approccio e del quadro metodologico per la costruzione di competenze e capacità di alfabetizzazione digitale e mediatica adattate ai bisogni delle donne rifugiate/richiedenti asilo/migranti.
  • Creazione di una piattaforma di formazione online per lo sviluppo di competenze e capacità digitali e mediatiche delle donne rifugiate/richiedenti asilo/migranti.
  • Sviluppo della metodologia peer – to – peer e del corso di formazione per le donne rifugiate/richiedenti asilo/migranti coinvolgendole in una campagna di sensibilizzazione.

  • Rafforzamento delle capacità di alfabetizzazione mediatica e digitale di almeno 120 donne rifugiate/richiedenti asilo/migranti nel Regno Unito, in Irlanda, in Italia, in Grecia, in Austria e a Malta.
  • Sviluppo di metodologie utili per il lavoro con donne migranti/rifugiate e richiedenti asilo per associazioni e altre tipologie di organizzazioni e di professionisti.
  • Aumento della sensibilizzazione sul tema trattato di almeno 250 professionisti, autorità locali/regionali/nazionali e internazionali, associazioni di rifugiati/migranti, organizzazioni della società civile, istituzioni del settore educativo e tutte le altre rilevanti parti d’interesse presenti nei paesi partner e negli altri stati europei.

  • Coordinatore: University of Gloucestershire [Regno Unito]
  • CESIE [Italia]
  • Verein Multikulturell [Austria]
  • Inishowen Development Patnership [Irlanda]
  • Foundation for Shelter and Support to Migrants [Malta]
  • Kentro Merimnas Oikogeneias Kai Paidiou [Grecia]

Segui il progetto in AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/11/2017 – 31/10/2019

DG di riferimento: DG EAC, Azione Chiave 2 Partenariati Strategici nel settore Educazione degli Adulti

Contatto:

CESIE: silvia.fazio@cesie.org


BYMBE – Bringing Young Mothers Back to Education

BYMBE – Bringing Young Mothers Back to Education

BYMBE – Bringing Young Mothers Back to Education

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo & contatti

  • Adattare e promuovere a livello europeo buone pratiche di supporto per giovani madri affinché ritornino a scuola o si reinseriscano nel mondo del lavoro.
  • Sviluppare una strategia di comunicazione e una campagna motivazionale innovativa per sensibilizzare sul tema della dispersione scolastica delle giovani madri.
  • Sostenere il lavoro di operatori sociali e formatori offrendo nuovi strumenti, conoscenze e competenze per il loro lavoro con le giovani madri.
  • Sviluppare strumenti di supporto globale per le giovani madri, includendo counseling, formazione e gruppi di lavoro.
  • Diffondere i risultati del progetto e sensibilizzare sul problema della dispersione scolastica delle giovani madri e su come affrontarlo.

  • Sviluppo di un Manuale per strategie di sensibilizzazione e motivazione
  • Creazione di un set di Metodologie di intervento per coinvolgere le giovani madri
  • Formazione di Operatori sociali/Insegnanti e Formatori che lavorano con le giovani madri
  • Elaborazione di un Kit per l’Orientamento BYMBE
  • Progettazione di un Kit per l’Empowerment BYMBE
  • Progettazione di un Kit per il Supporto BYMBE
  • Formazioni con Operatori sociali/Insegnanti, Formatori e giovani madri che rientrino nel processo educativo.

  • Campagna di sensibilizzazione sui bisogni educativi e kit di supporto per aiutare giovani madri in difficoltà a completare i loro studi.
  • Migliori opportunità di integrazione professionale e sociale per giovani madri permettendo loro di completare i loro studi, avere un’occupazione, percepire un reddito personale, essere indipendenti dalla previdenza sociale.
  • Offerta di servizi di orientamento professionale e counselling alle giovani madri e prevenzione e riduzione della disoccupazione giovanile.
  • Migliori abilità e consapevolezza degli Operatori sociali/Insegnanti e Formatori che lavorano con le giovani madri su come supportarle nel modo più completo.
  • Aumentata la consapevolezza degli stakeholder e del grande pubblico sull’importanza dell’istruzione professionale per assicurare la loro sicurezza economica.

  • Coordinatore: Frauen im Brennpunkt [Austria]
  • CESIE [Italia]
  • Bimec [Bulgaria]
  • Social Innovation Fund SIF [Lituania]
  • Exchange House Ireland [Irlanda]
  • Magenta Consultoría Projects S.L.U [Spagna]

Segui il progetto IN AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/10/2017 – 31/08/2019

DG di riferimento:  DG EAC, Erasmus+: Azione chiave 2, Partenariati Strategici – Istruzione Adulti

Contatto: CESIE: alessia.valenti@cesie.org


ARISE – Appetite for Enterprise

ARISE – Appetite for Enterprise

ARISE – Appetite for Enterprise

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo & contatti

  • Favorire la messa in rete, la conoscenza, la condivisione di esperienze di operatori sociali, formatori, mediatori interculturali e stakeholder per sostenere l’integrazione delle donne migranti e il loro accesso al mondo del lavoro nonché lo sviluppo di iniziative imprenditoriali
  • Promuovere le capacità imprenditoriali delle donne migranti attraverso lo sviluppo e la valorizzazione di conoscenze e competenze utili all’avvio di attività generatrici di reddito legate al cibo
  • Stimolare lo sviluppo e l’implementazione di idee imprenditoriali innovative economicamente sostenibili legate al cibo come mezzo per promuovere il mutuo apprendimento e l’interscambio tra la cultura delle donne migranti e quella delle comunità di accoglienza
  • Favorire il dialogo interculturale e la cultura delle comunità di accoglienza nei paesi partner per ridurre l’esclusione sociale dei migranti e contribuire a una loro migliore integrazione

  • Ricerca donne migranti su aspetti sociali, economici, esigenze di apprendimento, analisi del clima aziendale e presupposti per la creazione di imprese legate al cibo
  • Organizzazione di un corso di formazione internazionale per 18 lavoratori / formatori / mediatori sociali interculturali
  • Implementazione di 20 workshop locali per 12-15 donne migranti per Paese su: (i) sviluppo di softskill e competenze; (ii) formazione imprenditoriale, cultura imprenditoriale, educazione imprenditoriale; (iii) visite a imprese di migranti e incontri con imprenditori di successo
  • Eventi locali condotti dalle donne migranti coinvolte, compresa la creazione di video promozionali sulle idee di business sviluppate
  • Produzione di un kit di strumenti per la promozione di idee imprenditoriali innovative economicamente sostenibili e iniziative culturali legate al cibo, il toolkit “Appetite for Enterprise”

  • Rapporto di ricerca riguardante (i) Valutazione dei bisogni sociali, economici e di apprendimento delle donne migranti, (ii) Analisi del clima aziendale per la creazione di imprese legate al cibo per le donne migranti – sfide e opportunità
  • Focus group, workshop locali e Corso di formazione internazionale
  • Rete informale tra organizzazioni che si occupano di migranti, operatori sociali, formatori, mediatori interculturali, parti sociali, stakeholder, e imprenditori immigrati
  • Toolkit “Appetite For ENTERPRISE”

  • Coordinatore: CESIE (Italia)
  • Four Elements (Grecia)
  • Verein Niedersächsischer Bildungsinitiativen e.V. (Germania)
  • Elan Interculturel (Francia)
  • Verein Multikulturell (Austria)
  • Folkuniversitetet, Stiftelsen kursverksamheten vid Uppsala Universitet (Svezia)

Segui il progetto IN AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/02/2017 – 31/01/2019

DG di riferimento:  DG Home Affairs – Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF), Priorità 1: favorire l’integrazione delle donne migranti

Contatto: CESIE: stefania.zanna@cesie.org


CONVEY – Combattere la violenza e le molestie sessuali: coinvolgere i giovani nelle scuole nell’educazione digitale sugli stereotipi di genere

CONVEY – Combattere la violenza e le molestie sessuali: coinvolgere i giovani nelle scuole nell’educazione digitale sugli stereotipi di genere

CONVEY – Combattere la violenza e le molestie sessuali: coinvolgere i giovani nelle scuole nell’educazione digitale sugli stereotipi di genere

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo & contatti

  • Sviluppare approcci di educazione alla pari e alla presa di consapevolezza rispetto la violenza sessuale e le molestie contro le donne, formando i giovani sugli effetti degli stereotipi di genere e della sessualizzazione nei media digitali
  • Educare e contribuire al cambiamento comportamentale dei giovani nel campo della violenza sessuale, delle molestie e degli stereotipi di genere sviluppando un gioco educativo di simulazione e un programma pilota creativo su eguaglianza di genere, educazione sessuale ed alfabetizzazione digitale critica sui media
  • Incoraggiare il rispetto dei diritti e della dignità delle donne nelle scuole attraverso un programma di formazione per gli insegnanti circa la prevenzione degli stereotipi di genere e sulla sessualizzazione nella società digitale

  • Coinvolgimento di giovani tra i 14 e i 18 anni come consulenti alla pari per fornire input e feedback per lo sviluppo del gioco di simulazione online CONVEY
  • Creazione di un gruppo di consulenza di esperti adulti che integri conoscenza ed esperienze professionali esterne durante l’attuazione delle attività progettuali
  • Creazione di un gioco di simulazione online (e materiale formativo correlato) come strumento educativo per la presa di consapevolezza e la prevenzione contro la violenza e le molestie sessuali
  • Organizzazione di workshop per insegnanti ed educatori per fornire conoscenze e strumenti per garantire formatori capaci di approcci innovativi sulle questioni trattate dal progetto
  • Sviluppo di una campagna contro la violenza e le molestie sessuali 

  • Video testimonianze sulle conseguenze delle molestie e delle violenze sessuali vissute da donne e ragazze
  • Gioco CONVEY di simulazione e manuale d’applicazione
  • Programma Pilota CONVEY: workshop e kit di formazione per insegnanti; workshop locali con i giovani
  • Raccomandazioni sulla linea politica rivolte soprattutto a stakeholder chiave in ambito educativo
  • Rapporto di ricerca sugli effetti di CONVEY sul cambiamento comportamentale dei giovani coinvolti
  • Seminari locali e conferenza transnazionale finale
  • Campagna CONVEY di Consapevolezza Sociale contro la violenza sessuale e le molestie

  • Coordinatore: CESIE (Italia)
  • Gender Alternatives Foundation (Bulgaria)
  • “Hope For Children” UNCRC Policy Center (Cipro)
  • The Smile of the Child (Grecia)
  • Sexual Violence Centre Cork (Irlanda)
  • Westminster City Council (Regno Unito)

Segui il progetto IN AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/09/2016 – 28/02/2019

DG di riferimento: DG JUST – Diritti, uguaglianza e cittadinanza (2014-2020) – progetti transnazionali per combattere le molestie sessuali e la violenza sessuale nei confronti delle donne e delle ragazze

Contatto: CESIE: noemi.deluca@cesie.org

www.conveyproject.eu


EQUALITY for CHANGE – Gender equality through global capacity building

EQUALITY for CHANGE – Gender equality through global capacity building

EQUALITY for CHANGE – Gender equality through global capacity building

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo & contacts

  • Promuovere la cooperazione e lo scambio di esperienze e buone pratiche nel campo dell’empowerment delle giovani donne e dell’educazione non-formale
  • Creare un Network transnazionale di donne nel campo della mobilità per l’apprendimento non formale
  • Migliorare la mobilità di giovani ed animatori socioeducativi e il loro accesso al mondo del lavoro
  • Aumentare la comprensione delle giovani donne al dialogo e diversità interculturale
  • Migliorare la qualità e il riconoscimento dell’apprendimento non formale attraverso lo sviluppo di programmi educativi nel campo dei media e di nuovi metodi didattici non formali

  • Attività di ricerca a livello locale sulle esigenze delle giovani donne e la creazione di una relazione strategica sullo stato della parità di genere nei paesi partner
  • Campagna di sensibilizzazione sull’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne in ogni paese partner
  • Organizzazione seminario nazionale sulle donne e i multimedia/TIC in ogni paese partner
  • Organizzazione corso di formazione giovanile internazionale sui media, comunicazione ed uguaglianza di genere, Slovenia
  • Opportunità di visite studio in ogni paese partner
  • Esperienze di Servizio Volontario Europeo (SVE) di breve durata in Kenya ed Italia

  • Linee guida sullo SVE e la mobilità giovanile delle donne
  • Relazioni sui risultati raggiunti attraverso le attività locali svolte

  • Coordinatore: KID PiNA (Slovenia)
  • De Lindenberg (Paesi Bassi)
  • TYCEN – Tanzania Youth Cultural Exchange Network (Tanzania)
  • CAPEC – Cameroon Association for the Protection and Education of the Child (Cameroon)
  • KYDA – Kenya Voluntary Development Association (Kenya)

Segui il progetto IN AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/02/2015 – 30/07/2016

DG di riferimento: DG EAC, Erasmus+, Azione Chiave 2 – Sviluppo delle capacità nel settore della gioventù

Contatto: CESIE: giuseppe.lafarina@cesie.org


ARRC – AZIONI PER IL CAMBIAMENTO: resistenza, recupero e nuove scelte per donne e minori vittime di violenza domestica

ARRC – AZIONI PER IL CAMBIAMENTO: resistenza, recupero e nuove scelte per donne e minori vittime di violenza domestica

ARRC – AZIONI PER IL CAMBIAMENTO: resistenza, recupero e nuove scelte per donne e minori vittime di violenza domestica

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo e contatti

  • Sviluppare e scambiare buone pratiche legate all’istituzione di servizi specializzati per garantire alle donne e ai minori un’opportunità di recupero e per ridurre il rischo di allontanamento dei minori
  • Rendere autonome le donne vittime di violenza domestica, promuovendo servizi che siano in grado di rispondere alle loro necessità
  • Sviluppare il modello “investire per risparmiare” per l’istituzione di servizi specializzati e l’elaborazione di raccomandazioni utili a creare una legislazione a livello locale, regionale e nazionale nei paesi partner
  • Migliorare la consapevolezza e la comprensione delle necessità dei beneficiari target e incoraggiare e assistere gli stati membri nello sviluppo di una gamma di servizi che colmi le lacune nell’apparato legale

  • Comitato direttivo nel Regno Unito, in Romania e in Italia, con la partecipazione di donne sopravvissute alla violenza domestica, organizzate nel Comitato Ombra (Shadow Committee) composto da donne vittime di violenza domestica.
  • Organizzazione di 4 Tavole Rotonde sui temi della famiglia e delle madri naturali e sull’istituzione di servizi di supporto adeguati volti a prevenire l’allontanamento dei minori da donne che vivono in un ambiente violento., con la partecipazione attiva di stakeholder, accademici, ricercatori, politici, medici e gli Shadow Committee.
  • Ricerca teorica e qualitativa (interviste con donne sopravvissute e professionisti) per stilare una mappatura dei servizi esistenti e un report sulle buone pratiche relative a come fornire supporto al gruppo target.
  • Progettazione e attuazione di nuovi servizi erogati sotto forma di progetti pilota rivolti alle donne che rischiano di perdere la custodia dei figli a causa della violenza domestica.
  • Sviluppo di un Toolkit di buone pratiche per professionisti, basato sui risultati della ricerca, dei workshop transnazionali, delle tavole rotonde, dello Shadow Committee e delle valutazioni del progetto pilota.

  • Risorse per le donne e Shadow Committee
  • 4 Progetti Pilota nel Regno Unito, Romania, Ungheria e Italia
  • 4 workshop transnazionali e 4 tavole rotonde sui temi della famiglia e delle madri naturali
  • Rassegna bibliografica e sintesi di buone pratiche
  • Report di valutazione del progetto pilota
  • Raccolta di buone pratiche
  • Conferenza finale di divulgazione nel Regno Unito

  • Coordinatore: RBKC – Royal Borough of Kensington and Chelsea (Regno Unito)
  • Advance (Regno Unito)
  • Inclusion (Regno Unito)
  • CFCECAS – Center for Lifelong Learning and Evaluation of Skills in Social Work (Romania)
  • G-Led (Ungheria)
  • Borgorete (Italia)

Partner Associati

  • Westminster City Council (Regno Unito)
  • London Borough of Hammersmith & Fulham (Regno Unito)

Segui il progetto IN AZIONE

Date del progetto: 01/01/2015 – 31/12/2016

DGdi riferimento: DG Giustizia, Diritti Fondamentali e Cittadinanza– Programma DAPHNE III

Contatto: CESIE: noemi.deluca@cesie.org


EIRENE – European IntercultuRal Education towards a New Era of Understanding

ObiettiviAttivitàRisultatiPartnerInfo e contatti

  • Rafforzare le capacità di operatori, tutor giovanili e project manager che lavorano nel campo delle competenze e della partecipazione giovanile e indagare allo stesso tempo sulle relazioni interculturali e sulle nuove prospettive socio-politiche
  • Promuovere il dialogo interculturale attraverso l’educazione non-formale favorendo il benessere e le prospettive professionali dei giovani
  • Favorire la cultura della non-violenza e la risoluzione costruttiva dei conflitti
  • Incentivare l’accoglienza da parte delle organizzazioni giovanili e, in particolare, degli operatori giovanili in Europa e nei Balcani, attraverso un rafforzamento delle proprie capacità nel campo della mediazione e della comunicazione

Corso di formazione a Palermo dal 5 al 13 dicembre 2015. Le principali attività sono: Introduzione al metodo della non-violenza sviluppato da Danilo Dolci attraverso sessioni teoriche e pratiche e laboratori interattivi sul consolidamento della pace, la mediazione e la comunicazione. Tutte le attività si baseranno sui principi dell’apprendimento non-formale e contribuiranno a raggiungere gli obiettivi generali in modo partecipativo e creativo

  • EIRENE Log-book – materiale promozionale che si baserà sulle attività svolte durante il corso e la divulgazione dei risultati raggiunti

  • Coordinatore: CESIE (Italia)
  • Platform AGORA – Active Communities for Development Alternatives (Bulgaria)
  • INTER ALIA (Grecia)
  • Duha-UNITED (Repubblica Ceca)
  • School of Social Work, Rotterdam University (Paesi Bassi)
  • AFPDM – Associação para a Formação Profissional e Desenvolvimento de Montijo (Portogallo)
  • Unión Romaní (Spagna)
  • Young Partners for Civil Society Development Association (Romania)
  • DBD – Divadlo bez domova (Slovacchia)
  • Municipality of Kochani (Macedonia)
  • S&G – System and Generation Association (Turchia)
  • Mersey Media CIC ( Regno Unito)
  • CDI – Cooperation and Development Institute (Albania)
  • Beyond Barriers Association (Albania)
  • PRONI Center for youth development Brcko (Bosnia ed Erzegovina)
  • Kosovo Young Lawyers association (Kosovo)
  • MANT – Montenegrin Association for New Technologies (Montenegro)
  • OSMEH – Organization for Solidarity, Mobility, Ecology and Humanity of youth (Serbia)
  • SAS – Student association of Serbia (Serbia)

Segui il progetto IN AZIONE

Date di realizzazione progetto: 01/05/2015 – 01/05/2016

DG di riferimento: DG EAC, Agenzia Nazionale (Italia), Erasmus+, Key Activity 1: Mobility of youth workers [Paesi partner]

Contatto: CESIE: training@cesie.org