Approccio all’educazione

Il CESIE è stato fondato nel 2001 ispirato dall’impegno di Danilo Dolci. Il lavoro del sociologo, educatore e poeta che, giunto in Sicilia nei primi anni ’50, è stato caratterizzato dall’utilizzo di metodi nonviolenti (scioperi alla rovescia, digiuni collettivi, marce per la pace) e dalla scelta di concepire, sviluppare e organizzare ogni singola attività insieme alla gente locale. Il sociologo si è inoltre occupato molto di formazione, lavorando con insegnanti e professori universitari, nonché coinvolgendo studenti e genitori, nell’azione di rinnovamento dal basso del processo educativo attraverso un approccio focalizzato sui bisogni e sulle motivazioni dell’individuo.

Il CESIE ha trasferito molti aspetti chiave del lavoro di Danilo Dolci nelle proprie attività educative, tra cui l’Approccio Maieutico Reciproco (metodologia dialettica di indagine e di autoanalisi popolare) creato e testato da Dolci per molti anni.

Approcci e metodi

Il nostro lavoro si fonda su:

  • ricerca sulle necessità e le sfide sociali
  • utilizzo di approcci di apprendimento innovativi per rispondere a queste necessità.

In questo modo, il CESIE collega attivamente la ricerca con l’azione attraverso l’utilizzo di metodologie di apprendimento formale e non-formale, che includono:

  • L’Approccio Maieutico reciproco definito da Danilo Dolci come “processo di esplorazione collettiva che considera l’esperienza degli individui e l’intuizione come punto di riferimento”
  • Tecniche di Pensiero Creativo che stimolano la generazione di idee, problem-solving e la capacità di pensare fuori dalla scatola individualmente e in gruppo

Noi crediamo nell’educazione che alimenta la crescita economica. L’educazione quindi promuove il benessere individuale e lo sviluppo economico delle società, stimolando l’innovazione e l’imprenditoria.